Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Macerata, famiglia trovata senza vita nella villa: uomo colpito da malore, moglie e figlio morti di stenti (trovati deceduti dopo 2 mesi)

Venerdì 6 Maggio 2022 di Benedetta Lombo
La villa teatro della tragedia

MACERATA - Padre, madre e figlio trovati senza vita in casa a distanza di circa due mesi dalla loro morte, depositata l’autopsia. Confermata la morte naturale, da quanto emerso il padre Eros Canullo, che a 80 anni si occupava della moglie Angela Maria Moretti, 77 anni, allettata a seguito di un ictus e del figlio Alessandro, 54 anni, disabile dopo un gravissimo incidente di cui era stato vittima da giovanissimo, avrebbe accusato un malore. Succede alle porte di Macerata.


Da quanto emerge dai risultati dell’accertamento autoptico l’anziano non sarebbe morto subito, così come la moglie e il figlio che senza più assistenza sarebbero morti lentamente di inedia. Una fine terribile cristallizzata nell’accertamento irripetibile eseguito dal medico legale Roberto Scendoni e dal tossicologo Rino Froldi. I corpi dei tre familiari furono ritrovati i primi di settembre dello scorso anno dopo che la sorella di Angela Maria, che vive a Milano e non era più riuscita a mettersi in contatto con la donna, aveva dato l’allarme. Erano passati circa due mesi dalla loro morte e i cadaveri erano in avanzato stato di decomposizione, una circostanza questa, che per i professionisti nominati dal pubblico ministero Stefania Ciccioli, aveva comportato la richiesta di proroghe per effettuare tutte le analisi, non semplici, in laboratorio.

Morta sola in casa a 61 anni, il corpo (mummificato) ritrovato dopo un mese: choc a Pesaro

Nei giorni scorsi è stato dato avviso agli eredi del deposito dell’autopsia, il primo a farne copia è stato l’avvocato Maurizio Gabrielli del foro di Roma, nominato dal nipote di Eros Canullo, Nazzareno Russo (figlio della sorella di Eros, Silvana, venuta a mancare a inizio dello scorso anno).


«Dalla perizia si esclude l’ipotesi dolosa, il padre ha avuto un malore ma non è morto subito, sono tutti morti di inedia», ha spiegato il legale che ha presentato in Procura istanza di dissequestro della villa anticipando la possibilità di effettuare un sopralluogo già la prossima settimana. I corpi di Eros, Angela Maria e Alessandro erano stati trovati il 6 settembre scorso all’interno della villa al civico 72 di borgo Santa Croce dove vivevano. Il funerale invece è stato celebrato da don Pierandrea Giochi il 9 gennaio di quest’anno nella chiesa di Santa Croce.

Ceccano, mamma di tre figli muore a 45 anni in casa: soccorsi inutili

 

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio, 06:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA