Cadavere fatto a pezzi e gettato in un canale nel sacco della spazzatura

Cadavere fatto a pezzi e gettato in un canale nel sacco della spazzatura
Giovedì 28 Luglio 2022, 20:59 - Ultimo agg. 29 Luglio, 08:06
3 Minuti di Lettura

Un uomo - o forse una donna - ucciso, tagliato a pezzi. Pezzi che sono stati chiusi in un sacco della spazzatura. Giallo macabro in provincia di Rovigo, dove sono affiorati i pezzi di un cadavere gettati nel canale Adigetto, un corso d'acqua che si stacca dall'Adige e viene usato per l'irrigazione. Una scoperta agghiacciante avvenuta in due tempi, e che ha portato la Procura della repubblica di Rovigo ad aprire un fascicolo di indagine per l'ipotesi di reato di omicidio.

Una gamba mozzata nel fiume: l'orrore nelle acque dell'Adigetto

Il primo ritrovamento in mattinata

Il primo ritrovamento è avvenuto in mattinata nel territorio di Villanova del Ghebbo, nei pressi di una chiusa che blocca l'acqua del canale. I tecnici del Consorzio di bonifica Adige Po vi hanno scoperto una gamba sinistra, di una persona di carnagione bianca.

 

Serpente entra in auto mentre è alla guida, la scena choc a Treviso: cosa è successo

Le altre "scoperte"

È così partito l'allarme ai Carabinieri, che sono giunti sul posto assieme al medico legale, per una prima ricognizione sul reperto. L'arto era in condizioni tali da non ritenere che fosse rimasto in acqua da molto tempo. A questo punto i militari hanno proseguito le perlustrazioni lungo l'asta dell'Adigetto, e così nelle ore successive sono arrivate le altre scoperte. A pochi chilometri di distanza più a monte di Villanova, sotto un ponte a Lendinara, nel pomeriggio, è emerso un sacco nero dell'immondizia. Al suo interno c'erano il tronco e la testa di un uomo. I carabinieri sono quindi tornati poco più tardi a Villanova, dove in un altro sacco da rifiuti sono state trovate le due braccia.

Manca la seconda gamba

 

Per la ricostruzione del corpo manca soltanto la seconda gamba. In seguito a questi ritrovamenti la Procura di Rovigo ha aperto un fascicolo per omicidio, e ha disposto gli esami autoptici sui resti, per vedere di risalire all'identità della vittima. La vicenda fa tornare alla mente un simile macabro ritrovamento di un cadavere, ritrovato senza testa il 4 aprile scorso sulla sponda del Po a Occhiobello (Rovigo), in un borsone nero. In quell'occasione si ritenne che il cadavere fosse quello di una giovane donna, di cui erano stati trovati anche i vestiti. L'identità della vittima però non è stata finora mai accertata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA