CORONAVIRUS

Covid, Airbnb vieta le feste da tutte le case in affitto: «Troppi comportamenti irresponsabili»

Giovedì 20 Agosto 2020 di Ida Di Grazia
Coronavirus, Airbnb vieta le feste da tutte le case in affitto: «Troppi comportamenti irresponsabili»

Coronavirus, Airbnb vieta le feste da tutte le case in affitto: «Troppi comportamenti irresponsabili». 
L'occupazione sarà limitata a 16 persone, con poche eccezioni per alcune sedi. L'annuncio è arrivato tramite un comunicato stampa del gruppo che ne ha spiegato le motivazioni.

Airbnb ha vietato le feste in casa come parte dei suoi sforzi per rispettare i limiti alle riunioni sulla scia della pandemia di coronavirus. «Oggi - si legge nel comunicato - annunciamo il divieto globale di tutte le feste e gli eventi negli annunci di Airbnb, incluso un limite di occupazione a 16. Questo divieto di festa si applica a tutte le prenotazioni future su Airbnb e rimarrà in vigore a tempo indeterminato fino a nuovo avviso». I party non autorizzati, in realtà sono sempre stati vietati negli annunci di Airbnb: «Storicamente abbiamo consentito agli host di essere responsabili e di autorizzare piccole feste, come baby shower o feste di compleanno, se sono appropriate per la loro casa e il loro quartiere. L'anno scorso, abbiamo iniziato a imporre limiti molto più rigidi, a partire dal divieto globale di "house party",abbiamo anche lanciato un numero di assistenza di quartiere 24 ore su 24, 7 giorni su 7 negli Stati Uniti e in Canada, con piani di espansione globale, per comunicare direttamente con i vicini e aiutarci a far rispettare efficacemente il divieto del party house. Ciò ha integrato le nuove iniziative per fermare le feste non autorizzate, come la revisione manuale delle prenotazioni ad alto rischio, nonché le restrizioni per consentire agli ospiti di età inferiore ai 25 anni senza una cronologia di recensioni positive di prenotare interi elenchi di case a livello locale».

Con il diffondersi della pandemia da Covid 19 le norme si sono fatte più stringenti e Airbnblo ha fatto rimuovendo il filtro di ricerca adatto agli eventi dalla piattaforma e le regole della casa feste ed eventi consentiti da qualsiasi elenco adatto agli eventi. «Tuttavia, in molte grandi giurisdizioni, i regolamenti in difesa della salute pubblica sono cambiati e molti hanno deciso di comportarsi nelle nostre case come se fossero dei locali pubblici. Riteniamo che tale condotta sia incredibilmente irresponsabile: non vogliamo quel tipo di attività e chiunque sia coinvolto o consenta tale comportamento non appartiene alla nostra piattaforma. Sulla base di questi sviluppi, istituire un divieto globale di feste ed eventi è nel migliore interesse della salute pubblica».

 

Ultimo aggiornamento: 22:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA