Brittney Griner trasferita in una colonia penale in Mordovia: la star del basket Usa arrestata in Russia per droga

La cestista è stata arrestata a marzo dopo essere stata trovata con dell'olio di cannabis nel bagaglio all'aeroporto di Mosca

Brittney Griner trasferita in una colonia penale in Mordovia: la star del basket Usa arrestata in Russia per droga
Brittney Griner trasferita in una colonia penale in Mordovia: la star del basket Usa arrestata in Russia per droga
Giovedì 17 Novembre 2022, 19:31 - Ultimo agg. 19:55
3 Minuti di Lettura

L'americana Brittney Griner, star del basket femminile, è stata trasferita in una colonia penale nella regione russa della Mordovia. Lo riferisce sul proprio sito la Reuters, in una sua esclusiva. In agosto l'atleta era stata condannata a nove anni di prigione per detenzione di droga. L'amministrazione Biden ha avviato trattative per la sua liberazione, attraverso uno scambio di prigionieri.

Brittney Griner, cestista americana condannata a 9 anni in Russia per possesso e contrabbando di droga

 

Griner trasferita in una colonia penale in Mordovia

Griner era stata trasferita il 4 novembre da un centro di detenzione di Mosca in una prigione non resa nota. Le autorità russe non hanno dato informazioni per quasi due settimane, ma la fonte della Reuters ha detto che è stata portata nella colonia penale femminile IK-2 a Yavas, a circa 500 km a sud di Mosca. La colonia si trova in Mordovia, la stessa regione dove un altro americano, Paul Whelan, sta scontando 16 anni in una differente prigione dopo essere stato condannato per accuse di spionaggio che lui nega. «Protestiamo fortemente», ha detto un portavoce del dipartimento di stato Usa, accusando Mosca di non aver fornito alcuna notifica ufficiale.

 

Chi è Brittney Griner

Brittney Griner è stata condannata lo scorso 5 agosto a nove anni di carcere in Russia per possesso e contrabbando di droga. Una sentenza durissima, quasi il massimo della pena, che non ha tenuto conto delle attenuanti avanzate dalla difesa come il fatto che la cestista, trovata all'aeroporto di Mosca con dell'olio di cannabis nel bagaglio, non volesse intenzionalmente infrangere la legge russa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA