Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Comandanti russi licenziati da Putin dopo gli errori in guerra: Kisel, Osipov e il mistero Gerasimov

Giovedì 19 Maggio 2022
Comandanti russi licenziati da Putin dopo gli errori in guerra: Kisel, Osipov e il mistero Gerasimov

Gli insuccessi nelle aree di guerra non potevano non aver ripercussioni negli alti gradi dell'esercito russo. Così alcuni dei massimi comandanti di Vladimir Putin sono stati "licenziati" dopo il fallimento dell'invasione dell'Ucraina, hanno spiegato giovedì mattina i capi dell'intelligence britannica. La strategia dell'insabbiamento e del «capro espiatorio» sarebbe ormai diffusissima - spiegano - all'interno dei servizi militari e di sicurezza russi.

Nel suo ultimo aggiornamento dell'intelligence, il Ministero della Difesa di Londra ha dichiarato: «Nelle ultime settimane la Russia ha licenziato alti comandanti che si ritiene abbiano avuto scarse prestazioni durante le fasi iniziali dell'invasione dell'Ucraina». Poi si passa ai nomi, tutti di altissimo grado: il tenente generale Serhiy Kisel, che comandava la prima armata di carri armati della guardia d'élite, è stato sospeso per non aver catturato Kharkiv. Anche il vice ammiraglio Igor Osipov, che comandava la flotta russa del Mar Nero, è stato probabilmente sospeso in seguito all'affondamento dell'incrociatore Moskva ad aprile. Il generale Valery Gerasimov, il capo militare più anziano della Russia, probabilmente rimarrà in carica, ma non è chiaro se abbia ancora la fiducia del presidente Putin. Di recente alcune fonti in zone di guerra hanno riferito del ferimento del generale Gerasimov mentre cercava di dare nuovo slancio alla campagna militare russa nella regione del Donbass.

La strategia

Dopo una serie di battute d'arresto per le forze di Putin, i capi della difesa del Regno Unito hanno aggiunto nel loro aggiornamento dell'intelligence: «La cultura dell'insabbiamento e della ricerca di un capro espiatorio è prevalente all'interno del sistema militare e di sicurezza russo. Molti funzionari coinvolti nell'invasione dell'Ucraina saranno probabilmente sempre più distratti dagli sforzi per evitare la responsabilità personale per le battute d'arresto operative della Russia. Questo metterà a dura prova il modello centralizzato di comando e controllo della Russia, poiché gli ufficiali cercano sempre più di rinviare le decisioni chiave ai loro superiori. Sarà difficile per la Russia riprendere l'iniziativa in queste condizioni».

Russia, così la propaganda ha fatto breccia in Italia: social, partiti e università

La guerra dell'informazione

La Gran Bretagna e altre nazioni occidentali hanno condotto una campagna molto efficace per vincere la cruciale guerra dell'informazione per evidenziare i fallimenti nell'invasione di Putin. Tuttavia, alcuni dei fallimenti della guerra di Putin sono stati evidenti al mondo intero, con le sue truppe che sono state costrette a ritirarsi da Kiev e dalle zone dell'Ucraina settentrionale mentre il suo piano di guerra-lampo, che includeva la conquista della capitale Kiev in pochi giorni, è fallito.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 00:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA