CORONAVIRUS

Coronavirus, giallo immunità: «51 pazienti guariti in Corea di nuovo positivi a fine quarantena»

Giovedì 9 Aprile 2020 di Domenico Zurlo
Coronavirus, giallo immunità: «51 pazienti guariti in Corea di nuovo positivi a fine quarantena»

Del coronavirus, dopo diverse settimane ormai dall'inizio della pandemia, gli scienziati non sanno ancora tutto: e tra i misteri del Covid-19, quello più importante di cui si parla negli ultimi giorni è l'eventualità di ricadute in chi è già guarito. Un'eventualità molto probabile, secondo le autorità sanitarie della Corea del Sud, uno dei Paesi più colpiti dalla pandemia nelle prime settimane, e che ora sembra essere sul punto di uscire dall'emergenza.

Leggi anche > Die Welt attacca l'Italia: «La mafia aspetta i soldi dell'Europa»

Circa 51 pazienti classificati come guariti in Corea infatti sono risultati di nuovo positivi, hanno fatto sapere dai centri coreani per la prevenzione e il controllo delle malattie in una comunicazione di pochi giorni fa: questi pazienti sarebbero risultati nuovamente positivi dopo essere usciti dalla quarantena, ha detto Jeong Eun-Kyeong, direttore generale del CDC sudcoreano, scrive l'agenzia Bloomberg. «Stiamo conducendo studi approfonditi su questo, ci sono stati molti casi in cui i pazienti sono negativi un giorno e positivi un altro». Secondo quanto affermato dal CDC, un paziente dovrebbe essere considerato guarito quando risulta negativo in due test effettuati a un giorno di distanza.

Leggi anche > Coronavirus, un solo colpo di tosse può diffondere goccioline infette attraverso due scaffali al supermercato: la simulazione

La Corea del Sud è stato uno dei primi Paesi colpiti dal coronavirus dopo la Cina, ma grazie ad uno screening di massa e alla tecnologia utilizzata per rintracciare i movimenti dei cittadini, soprattutto infetti, si è riuscito a contenere il numero delle vittime, a differenza di quanto avvenuto in Europa, in primis in Italia. I ricercatori e gli scienziati in tutto il mondo sono in corsa per scoprire sempre di più sul virus e sviluppare un vaccino efficace, mentre in quasi tutto il mondo continua il lockdown forzato e si fa la conta di contagiati e morti.
 

Ultimo aggiornamento: 10 Aprile, 20:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA