CORONAVIRUS

William positivo al Covid. «Royal Family nel panico, colpito duramente ad aprile»

Lunedì 2 Novembre 2020
Covid, William positivo ad aprile: «Royal Family nel panico, è stato colpito duramente»

Il principe William è stato colpito dal covid ad aprile e lo ha tenuto segreto in modo da non allarmare la nazione. È quanto ha riportato nella tarda serata di domenica il Mirror. Il Duca di Cambridge, 38 anni, ha seguito le linee guida del governo isolandosi da solo a casa, ma il giornale britannico riporta che è stato «colpito piuttosto duramente dal virus». Il principe Wiliam è stato curato dai medici di Corte ma ha preferito tenere segreta la diagnosi perché non voleva causare allarme. Una fonte ha detto al Sun: «William è stato colpito abbastanza duramente dal virus. Ad un certo punto stava lottando per respirare, quindi ovviamente la Famiglia Reale è stata in preda al panico».

 

 

​Gigi Proietti gravissimo dopo un attacco cardiaco. È ricoverato in clinica da 15 giorni

Anche il padre di William, Carlo, è stato colpito lo scorso inverno dal coronavirus. Carlo fu contagiato a fine marzo, il figlio pochi giorni dopo, quando anche il premier Boris John fece temere per la sua salute. Al momento non è chiaro se altri membri della Famiglia Reale, a cominciare da Kate Middleton, siano stati colpiti. Gli impegni pubblici di Carlo sono ripresi con l'apertura del Nightingale Hospital Birmingham a fine aprile.

 

Nuove nubi a Corte. Il silenzio ufficiale del palazzo reale riflette un certo imbarazzo per la rivelazione a scoppio ritardato: un fatto in grado di sollevare interrogativi sulla trasparenza di casa Windsor e in particolare proprio del principe William, il quale finora ha goduto di buona stampa in genere sui media del Regno Unito e ha sempre cercato - con la moglie Kate e i tre figli George, Charlotte e Louis - di far circolare un'immagine di affidabilità, di equilibrio da futuro re e di relativa apertura e modernità. Anche rispetto al fratello minore ribelle Harry e alla di lui consorte Meghan Markle.

 

 

Ultimo aggiornamento: 3 Novembre, 10:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA