Battipaglia, è scontro totale sul cimitero

Provenza denuncia: «La convocazione del consiglio era palesemente viziata»

È ormai durissimo il livello dello scontro tra maggioranza e opposizione sulla questione del cimitero
È ormai durissimo il livello dello scontro tra maggioranza e opposizione sulla questione del cimitero
di Marco Di Bello
Mercoledì 9 Novembre 2022, 10:25 - Ultimo agg. 21:41
3 Minuti di Lettura

È ormai durissimo il livello dello scontro tra maggioranza e opposizione sulla questione del cimitero. Dopo che i fedelissimi del sindaco, Cecilia Francese, hanno disertato il Consiglio richiesto dalla minoranza, è subito scattata il botta e risposta.

Uno scontro fatto anche di carte protocollate, come quelle del consigliere del Gruppo misto, Giuseppe Provenza. Nella sua “Richiesta di convocazione consiglio comunale in seconda convocazione con urgenza”, infatti, il consigliere di minoranza sottolinea come «la precedente convocazione del consiglio era palesemente viziata, non conteneva una corretta e valida seconda convocazione». Per questo, l’ex assessore Francese «Si invitano e diffidano gli organi in indirizzo e segnatamente la Presidenza del Consiglio, nella persona del dottor Angelo Cappelli, ad ottemperare provvedendo con la massima urgenza a convocare il Consiglio comunale di Battipaglia, in seconda convocazione: “Consiglio comunale monotematico con all’odg la discussione sul Cimitero - completamento lavori ampliamento”».

Video

Dall’altra parte, il sindaco Cecilia Francese ha ribadito la posizione della maggioranza: «Gli uffici hanno finalmente chiuso la delibera di giunta per la risoluzione dell’annosa questione del cimitero con la realizzazione di 36 cappelle da cinque posti e 24 da dieci posti - spiega ancora la prima cittadina, mostrando la bozza di delibera - discutere ieri e prendere un gettone di presenza solo perché l’opposizione lo pretende non ci è sembrato corretto nei confronti del lavoro degli uffici».

Parole alle quali ha risposto a distanza Civica Mente: «Sindaco Cecilia Francese, le risposte alla città non si danno "tra otto giorni in conferenza stampa" - scrive la forza di opposizione - Si danno in Consiglio Comunale, mettendole agli atti, coi fatti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA