Lavori allo stadio, blitz dei carabinieri:
niente norme di sicurezza e 4 operai in nero

Sabato 20 Giugno 2020 di Simona Chiariello
Quattro operai in nero e violazioni delle norme di sicurezza in materia di lavoro. Sono questi i risultati del blitz dei carabinieri della Tenenza di Cava de’ Tirreni, diretti dal tenente Vincenzo Pessolano, allo stadio Simonetta Lamberti. I militari sono stati impegnati in una serie di accertamenti sulle ditte che stanno eseguendo i lavori di ristrutturazione nell’impianto sportivo per l’adeguamento del Simonetta Lamberti alle prescrizioni della Figc. La lente di ingrandimento dei carabinieri, diretti dal tenente Pessolano, si è concentrata sul rispetto delle norme per la sicurezza dei lavoratori. A quanto si apprende i lavori hanno reso necessaria l’apertura di due cantieri: uno per la realizzazione delle torri faro e l’altro per l’adeguamento dei settori distinti e curva sud.

Quattro le imprese coinvolte nei lavori, di cui due in subappalto. Al termine delle ispezioni, i carabinieri hanno denunciato all’autorità giudiziaria le quattro imprese per non aver assicurato uno spogliatoio riposo/ristoro per gli operai. E non basta. Gli accertamenti sulla ditta cavese che sta eseguendo i lavori per la realizzazione/installazione delle torri fari ha avuto una sanzione di ventimila euro perchè quattro operai sono risultati a nero. La documentazione è stata trasmessa all’ispettorato del lavoro per decidere l’eventuale (e a questo punto possibile) sospensione dell’attività. Ultimo aggiornamento: 10:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA