Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Due scienziati ambasciatori del museo
della Dieta Mediterranea di Pioppi

Venerdì 19 Novembre 2021 di Antonio Vuolo
Due scienziati ambasciatori del museo della Dieta Mediterranea di Pioppi

Il Museo Vivente della Dieta Mediterranea di Pioppi ha due nuovi ambasciatori: sono Raffaele Sacchi, professore di Scienze e Tecnologie Alimentari del Dipartimento di Agraria dell’Università di Napoli Federico II e  Annamaria Colao, presidente della Società Italiana di Endocrinologia. Il conferimento delle nomine avverrà domani 20 Novembre alle ore 20 presso il museo alla presenza del direttore del Museo, Valerio Calabrese, e del sindaco di Pollica, Stefano Pisani. L’evento sarà trasmesso in diretta sui canali social del Museo. Al termine nella piazza di Pioppi si festeggerà l'anniversario del riconoscimento Unesco al suo 11° compleanno, con il taglio di una torta e il brindisi di auguri che seguirà lo show cooking degli chef Francesco Valiante (La Caupona - Pioppi) e Pietro Schiavo (Boccaccio - Acciaroli) presso l’adiacente storico ristorante La Caupona. Ai due scienziati va il merito di essersi impegnati negli anni per affermare e promuovere i principi dello stile alimentare più famoso e salutare al mondo. Modello di vita sano per eccellenza, la Dieta Mediterranea è entrata a pieno titolo nel patrimonio immateriale dell’umanità ottenendo il riconoscimento Unesco il 16 Novembre nel 2010. 

«La Dieta Mediterranea per noi è un programma di governo - ha commentato Stefano Pisani  - ed io mi sento consapevolmente sindaco di un luogo che detiene un grande sapere e abbiamo il compito di tutelare questa straordinaria ricchezza».

«Il valore più grande della Dieta Mediterranea è nella sua trasversalità nel tenere insieme tante altre esperienze e percorsi: l’alimentazione, l’ambiente, la salute, l’economia e le abitudini sociali - ha spiegato Valerio Calabrese  - Oggi si parla tanto di transizione ecologica ma senza un contributo culturale ad un cambio di sistema non attueremo alcuna vera rivoluzione. La Dieta Mediterranea con i suoi valori semplici ed efficaci ci insegna che esiste un equilibrio delle piccole cose è la vera risposta ed è già davanti ai nostri occhi». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA