Nunzia, uccisa dal marito: la figlia
vuole deporre in aula contro il padre

Lunedì 8 Giugno 2020 di Simona Chiariello
Nunzia, uccisa dal marito: la figlia vuole deporre in aula contro il padre

Chiediamo che vengano confermati i 30 anni di carcere. I consulenti, che hanno formulato la perizia pschiatrica, hanno riferito all’unanimità che mio cognato era in grado di intendere e di volere il giorno del delitto ed è in grado di interagire nel procedimento penale per il quale è sotto processo. Mia nipote Marika vorrebbe essere in aula per dire sotto gli occhi del padre quello che faceva a loro e alla mamma». A parlare è Gianni Maiorano, il fratello di Nunzia, la donna uccisa dal marito Salvatore Siani, il 22 gennaio del 2018 con 47 coltellate. Questa mattina è attesa l’udienza che potrebbe portare alla sentenza di Appello per l’uomo che massacrò sua moglie davanti al figlio di appena cinque anni. 

LEGGI ANCHE Il compagno violento muore, lei si salva: «Chi fa del male lo farà sempre»

«La famiglia Maiorano confida nella giustizia - ribadisce Gianni - per rispetto verso Nunzia e tutte le donne vittime di femminicidio oltre che per i figli di Nunzia». Due maschi di 17 anni e 7 anni e una ragazzina, oggi dodicenne. «La figlia Marika vorrebbe partecipare all’udienza per poter “apostrofare” il padre e dire chi era e come si comportava in casa verso i figli e verso la mamma. È molto arrabbiata e delusa. Oggi vive in una famiglia dove  sia lei che il fratellino vengono ascoltati e presi in considerazione. Sono stati affidati a mio fratello e mia cognata, che vengono visti come i loro genitori. Vivono una vita tranquilla, quanto possibile serena». 

L’ITER
In primo grado l’uomo è stato condannato a trenta anni di carcere, alla vigilia dell’Appello è saltata fuori una nuova, inquietante accusa: corruzione di minori. Un’ipotesi di reato per il quale è iniziato lo scorso 6 febbraio presso il Tribunale di Nocera Inferiore. Secondo l’accusa l’uomo avrebbe fatto pressione sul primogenito, spingendolo ad assumere comportamenti punibili dalla legge nei confronti di altre donne e della sua stessa sorella. «Il sacrificio di mia sorella è servito per salvare i suoi tre figli che oggi, nonostante l’immane tragedia e il dolore incessante, vivono sereni. Lui deve restare in carcere» ha ripetuto il fratello.

Ultimo aggiornamento: 07:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA