Pedofilia, in carcere da innocenti:
processo per danni ai magistrati

di Viviana De Vita

0
  • 23
In carcere da innocenti per 9 lunghissimi mesi con l’infamante accusa di violenza sessuale, additati come «mostri» da un’intera comunità e privati per sempre della loro figlia di cui ormai, hanno perso ogni traccia. Approda davanti al tribunale civile l’imbarazzante inchiesta della Procura su un grosso giro di pedofilia che, culminata nel gennaio 2010 con l’esecuzione di tre misure di custodia cautelare e conclusasi 6 anni dopo con un’archiviazione, fece tremare l’intero centro costiero di Cetara finito sotto accusa in seguito alle dichiarazioni di una 13enne che affermò di essere vittima di abusi sessuali sin dalla più tenera età quando sarebbe stata stuprata e filmata dai suoi genitori, dal fratello e dal vicino di casa con il “beneplacito” di quasi un intero paese che avrebbe beneficiato di quei filmini pedopornografici.

Un’inchiesta che ha distrutto un intero nucleo familiare che, dopo aver già intentato il procedimento per il risarcimento dell’ingiusta detenzione (la cifra liquidata dalla Corte d’appello non è ancora stata erogata perché la Procura ha fatto appello), chiama ora in causa la presidenza del Consiglio dei Ministri al quale spetta risarcire il danno in base alla cosiddetta legge Vassalli che sancisce il principio della responsabilità civile dei magistrati. L’appuntamento è per il prossimo 5 aprile quando, davanti al tribunale di Napoli, si aprirà il procedimento intentato dalla famiglia della ragazza rappresentata dall’avvocato Antonio Bruno. È infatti la legge numero 117/1988 a stabilire che «chiunque abbia subito un danno ingiusto a causa di un comportamento, atto o provvedimento giudiziario posto in essere dal magistrato può agire contro lo Stato per ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e anche di quelli non patrimoniali». In base al principio della «responsabilità indiretta», sancito proprio dalla cosiddetta legge “Vassalli” «il cittadino che ha subito un danno ingiusto a causa del magistrato dovrà agire esclusivamente nei riguardi dello Stato, il quale si rifarà in un secondo momento sul giudice responsabile».
Giovedì 8 Febbraio 2018, 06:35 - Ultimo aggiornamento: 08-02-2018 06:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP