Trovata bomba da 250 libre,
migliaia famiglie verso evacuazione

di Paolo Panaro

  • 548
Pericoloso ordigno bellico risalente al secondo conflitto bellico ritrovato in un terreno a Battipaglia. Pesa 250 libre, circa 115 chili, è di fabbricazione inglese ed è stata rinvenuta in un appezzamento di terreno a Spineta, mentre un gruppo di agricoltori stavano scavando per piantare semi di ortaggi e frutta. Dopo poco si sono accorti della bomba che stava affiorando e si sono subito fermati. Sono state allertate le forze dell’ordine e sul posto si sono precipitati i carabinieri diretti dal maggiore Vitantonio Sisto. Immediatamente è stata evacuata la zona a ridosso dell’ordigno bellico, soprattutto l’azienda agricola dove c’erano alcune persone a lavoro ed è stata recintata e messa in sicurezza in modo che nessuno possa avvicinarsi alla bomba, molto pericolosa. 

I militari hanno allertato la prefettura di Salerno e ieri pomeriggio, in prefettura si è svolto una riunione a cui hanno partecipato un funzionario della prefettura di Salerno, il vicequestore Lorena Cicciotti, dirigente del commissariato di pubblica sicurezza di Battipaglia, il maggiore Vitantonio Sisto, comandante della compagnia dei carabinieri di Battipaglia, i vigili del fuoco e i funzionari dell’ufficio tecnico del Comune di Battipaglia. Nelle prossime ore bisognerà approntare il piano di evacuazione delle abitazioni, aziende, uffici e negozi a ridosso della zona dove è stata ritrovata la bomba per un raggio di almeno un chilometro e mezzo, e anche se non è stata effettuata una stima le persone che dovranno essere evacuate sono migliaia e saranno chiuse tutte le strade che ricadono nello stesso raggio di evacuazione da Spineta, fino all’ospedale Santa Maria della Speranza. Nel frattempo, gli artificieri dell’Esercito Italiano oltre ad effettuare i sopralluoghi per verificare lo stato delle bomba, che sembra in ottime condizioni, dovranno approntare il piano per rendere innocuo l’ordigno e probabilmente l’operazione avverrà sul posto. Le operazioni di disinnesco sono molto delicate, non è stata fissata la data ed è probabile che passino alcune settimane prima che sia disinnescato l’ordigno bellico. L’unica certezza è che le operazioni di disinnesco avverranno di domenica quando la città dovrebbe essere più tranquilla e l’evacuazione delle persone, molte migliaia, sarà più semplice. Ovviamente, saranno allestiti centri per accogliere le persone che dovranno abbandonare almeno per un’intera giornata le abitazioni. 
Venerdì 15 Marzo 2019, 06:45 - Ultimo aggiornamento: 15-03-2019 09:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP