La figlia muore in incidente stradale, i genitori perdonano l'uomo al volante e lo invitano a vivere con loro

Venerdì 6 Agosto 2021 di Marta Ferraro
Genitori perdonano l'uomo responsabile della morte della figlia e lo invitano a vivere nella loro casa

I genitori di una ragazza britannica morta in un incidente stradale hanno perdonato l'uomo responsabile della sua morte e lo hanno invitato a vivere a casa loro, secondo quanto riferisce Metro.

Maria Jiménez, 24 anni, è morta nel 2017 dopo aver chiesto a un amico, Nick Tay, di accompagnarla a casa perché  quella notte aveva bevuto. L'amico, che non aveva l'assicurazione per guidare, nell'accelerare si è scontrato con la barriera centrale dell'autostrada. La ragazza, che non aveva allacciato la cintura di sicurezza, è morta sul colpo.

All'inizio, è stato difficile per la famiglia superare la rabbia per la morte della figlia. Suo padre, Fernando Jiménez, ha confessato che voleva comprare un machete e uccidere il ragazzo. Tuttavia, Elizabeth, la madre, era preoccupata per le condizioni di Nick, la cui famiglia viveva a Singapore. «All'inizio è stato molto difficile perdonare Nick, ma poi ho capito che non si trattava di perdonare la persona, ma di perdonare la sua stupidità», ha raccontato Fernando Jiménez. 

Video

Quando i tre si sono finalmente riuniti, Nick ha abbracciato Fernando e gli ha chiesto perdono. Da allora, il ragazzo è diventato come un figlio per i genitori della sua amica. Poiché Nick non aveva un posto dove andare, la famiglia lo ha invitato a vivere con loro a Guilford, in Inghilterra, dove è rimasto per sei settimane.

Condannato a cinque anni di carcere, Nick Tay è stato rilasciato dopo tre anni e mezzo e successivamente deportato a Singapore. La coppia è rimasta in contatto con Nick e spera di rivederlo quando la situazione epidemiologica lo consentirà. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA