Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lavoratori, Lino Banfi e la figlia Rosalba controcorrente: «Difficile trovarli? Nessun problema nel nostro ristorante»

Domenica 22 Maggio 2022
Lino Banfi e la figlia Rosalba intervengono sulla polemica degli imprenditori che non trovano lavoratori

Sulla polemica dell'assenza di lavoratori che sta impazzando negli ultimi tempi, intervengono anche Lino Banfi e la figlia Rosalba. Da Alessandro Borghese a Flavio Briatore, passando per Al Bano Carrisi e Karina Cascella: tutti si sono lamentati della difficoltà di trovare personale per pub e ristoranti. Tra chi dice che a peggiorare la situazione è stato il reddito di cittadinanza, e chi sostiene che i giovani non vogliano lavorare, la voce fuori campo degli attori pugliesi sentenzia altro. Al settimanale Nuovo hanno confidato di non avere questi problemi.

L’attore di "Un medico in famiglia" insieme alla sua famiglia ha aperto nel 2017 a Roma il ristorante Orecchietteria Banfi, nell’elegante quartiere Prati. Il locale è specializzato in cucina pugliese: «Noi siamo stati fortunati. Nel nostro ristorante - sostiene Rosanna Banfi - lavorano ragazzi che abbiamo assunto cinque anni fa e altri presi più di recente. Vero è che, oltre a offrire un contratto regolare, noi assicuriamo anche un clima di lavoro sereno e familiare. Se uno ha un problema, gli si va incontro».

La figlia di Lino Banfi non ha parlato di reddito di cittadinanza, ma ha implicitamente precisato che alle giuste condizioni è possibile trovare del personale in gamba.

Nel menu del ristorante pugliese, non mancano le classiche orecchiette con le "cime di rèp" o il Papele Papele, uno spuntino a base di focaccia barese accompagnata da una bottiglia di peroncino. Dunque tanti piatti della tradizione pugliese, preparati rigorosamente con prodotti made in Puglia, ma pure rivisitazioni e nuove ricette ideate da un gruppo di giovani chef. Tra i dolci va segnalato invece il Pere che il pompelmo faccia mele, un tortino di mele e pere con gelatina di pompelmo il cui nome è una frase del film Il brigadiere Pasquale Zagaria ama la mamma e la polizia. Il ristorante ha 70 coperti e offre il servizio di take away.

 

Ultimo aggiornamento: 19:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA