Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pamela Prati, ecco la verità sulla storia (immaginaria) con Mark Caltagirone: «È stato crudele. Ho mentito? Stata spinta a farlo»

Sabato 23 Luglio 2022
Pamela Prati: «Mark Caltagirone? Una truffa crudele. Ho mentito? Sono stata spinta a farlo»

«Ho subìto una truffa affettiva crudele». Pamela Prati rivela in un'intervista al Corriere della Sera alcuni dettagli sulla storia con Mark Caltagironel’uomo che doveva essere il suo futuro marito e che poi si è scoperto non essere mai realmente esistito. «Se ne stanno occupando gli avvocati», prosegue la showgirl. A chi le chiede come mai abbia raccontato che quest'uomo esisteva quando non era vero, dice: «Nella mia autobiografia l'ho spiegato: sono stata spinta a farlo. Nessuno ha chiesto conto a Roberto Cazzaniga, il pallavolista che ha subito una truffa simile».

Ricky Martin rompe il silenzio, lo sfogo dopo l'archiviazione delle accuse di violenza sessuale: «È stato devastante. A mio nipote auguro il meglio»

Pamela Prati preferisce non parlare

«Tutti hanno pensato ci abbia guadagnato qualcosa, eppure da quando è successo non ho più lavorato». Cosa è successo con Mark Caltagirone? «Preferirei che quel nome non comparisse in questa intervista». L’uomo non esiste, ma in alcune occasioni Pamela Prati ha raccontato il contrario. «Nella mia autobiografia l’ho spiegato: sono stata spinta a farlo. Ho subito una violenza gravissima e francamente non posso che andare a testa alta per essere sopravvissuta».

Il sogno Sanremo

Pamela Prati sogna Sanremo. Vorrebbe tornare da cantante in gara o da co-conduttrice: «In entrambi i casi sarei molto felice». Qual è la cosa più assurda che le hanno regalato gli ammiratori? «Oltre a tantissimi fiori che spesso portavo in chiesa? Beh, l’omaggio più incredibile è stato una cassa di aragoste! Che a mia volta ho regalato, perché non le mangio. Mi fanno tenerezza, come gli agnellini, il maialino e i conigli».

Ultimo aggiornamento: 15:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA