William e Harry, la pace è possibile? I due fratelli riuniti per la regina, il gesto di Carlo e il compleanno in famiglia (forse)

William e Harry uniti nel dolore, 25 anni dopo la morte di Lady D. vicini dietro il feretro della regina Elisabetta: pace possibile?
William e Harry uniti nel dolore, 25 anni dopo la morte di Lady D. vicini dietro il feretro della regina Elisabetta: pace possibile?
Giovedì 15 Settembre 2022, 13:59 - Ultimo agg. 20:17
8 Minuti di Lettura

La stessa immagine risale a 25 anni e 8 giorni fa. Harry e William camminano fianco a fianco sotto il sole settembrino londinese per un corteo funebre. Era il 6 settembre del 1997 quando i due fratelli piangevano la mamma Lady Diana morta in un tragico incidente il 31 agosto. Ora il feretro che seguono è quello della nonna, la regina Elisabetta II morta l'8 settembre di questo anno. Allora i legami tra i due sembravano indissolubili, ora a tenerli uniti è solo il dolore immenso reciproco per la perdita della regina. 

Regina Elisabetta morta, cosa succede ora? Carlo III si ritira in campagna senza Camilla. Omaggio al feretro per tutta la notte, ora code di 5 km

William e Harry, è tregua?

Da qualche anno il rapporto tra William e Harry è cambiato precipitando in un silenzio assordante. Ma ora si mostrano vicini. Ultimamente raramente il rapporto tra i principi è sembrato così stretto, né il divario tra loro così ampio.

Non c'era alcuna barriera umana a separarli come c'era stato invece l'anno scorso all'addio del principe Filippo quando la figura del cugino, il figlio della principessa Anna, Peter Phillips , camminava tra di loro.

Morte regina Elisabetta: Archie e Lilibet diventano principe e principessa (ma non Altezza reale). «Harry e Meghan infuriati con re Carlo III»

Venticinque anni dopo il funerale della mamma ora quello della nonna

Al funerale della madre erano solo ragazzi che riuscivano a malapena a sollevare lo sguardo da terra. Ieri guardavano fisso davanti a sé, Harry senza cappello nei suoi abiti da lutto senza uniforme, gli occhi di William velati dal berretto con visiera della sua uniforme n. 1 della RAF. Entrambi si comportavano con dignità e rispetto, impenetrabili a coloro che vegliavano e speravano in qualche segno piccolo di riconciliazione, in qualche scambio di amore fraterno, persino in un barlume di perdono. Non c'è stato nulla di questo.

Naturalmente, la solennità dell'occasione potrebbe rendere un gesto del genere fuori luogo. Venticinque anni fa, c'è stato un momento in cui il corteo della Principessa Diana è scomparso brevemente sotto l'Arco delle Guardie a Cavallo prima di riapparire a Whitehall. Poi ci fu una carezza rassicurante per William da parte di suo nonno. Questa volta le formalità però non vengono accantonate. 

Regina Elisabetta, diretta: lunghissima fila di sudditi per entrare a Westminster Hall. La folla grida: «Dio salvi il re»

Harry pronto a ricucire i rapporti reali?

Eppure, se c'era un'opportunità per sanare questa più tragica delle spaccature, sicuramente questo è il momento.  Quattro giorni prima, quando Harry e Meghan si sono uniti a William e Kate per vedere i fiori e salutare i sostenitori al Castello di Windsor, non c'era modo di nascondere la freddezza che aleggiava. Ma almeno stavano insieme. La domanda che si son fatti tutti quindi è stata: Harry accetterà il ramoscello d'ulivo che gli veniva offerto? 

Quando il principe Filippo morì, Harry era arrivato in ritardo in Gran Bretagna dopo un lungo volo dalla California. I tentativi di riconciliazione con suo fratello fallirono e così tornò a casa da Meghan, allora incinta della figlia Lilibet, e dal figlio Archie.

Questa volta non c'è stato bisogno di un volo urgente dall'Atlantico: Harry era già nel Regno Unito quando la Regina è morta giovedì scorso è stato così testimone della straordinaria effusione di dolore e lutto nazionale che ha attanagliato il Paese sin dall'annuncio. Se mai avesse voluto rivalutare le decisioni che aveva preso, allora non c'era posto migliore per iniziare che ieri al Mall, mentre se ne stava in muta riflessione dietro suo padre, il re Carlo III.

Come sarebbe stato facile confinare il principe Harry e sua moglie in qualche ruolo minore, nascosti com'erano durante le celebrazioni del Giubileo di Platino come semplice atto di supporto. E se fosse successo lo stesso questa settimana, non avrebbero dovuto incolpare solo loro stessi? Le loro lamentele stizzose dal loro palazzo di Montecito, così spesso insensibili, sono continuate senza sosta. Mentre gli eventi per la commemorazione della sovrana defunta vanno avanti rimane lo spettro del libro di memorie di Harry per regolare i conti.

L'attegiamento di re Carlo III

Eppure re Carlo III ha mostrato magnanimità. Invece di essere escluso, Harry è stato rimesso al centro dell'attenzione. Stesso "ruolo" del fratello seppur senza uniforme ufficiale. Il suo ruolo ieri non è stato oscurato in nessun modo. Era al posto che gli spettava accanto a suo fratello e dietro suo padre.

A Westminster Hall, lui e la duchessa del Sussex, Meghan Markle, si sono schierati esattamente come avrebbero dovuto nell'ordine di successione dietro William e Kate per rendere omaggio alla bara della Regina. Quanto a Meghan, anche a lei è stato mostrato il rispetto che merita la nuora di un monarca.

Mentre Harry camminava con suo fratello, sua moglie viaggiava in una limousine reale con sua zia Sophie, contessa di Wessex. Era la seconda nel convoglio di auto reali dietro la regina consorte e Kate, nuova principessa del Galles. Nel rigido mondo della monarchia questi sono più che semplici gesti simbolici. Qui, ad Harry è stato mostrato il suo legittimo posto nella Casa dei Windsor, se mai lui fosse voluto tornare alla sua vita reale.

Quello che è però altrettanto chiaro è che Harry, non è trattato allo stesso modo di un altro ex figura molto amata che è andato in esilio altrove. Il re Edoardo VIII e sua moglie Wallis - a cui è sempre stato negato il titolo di SAR - non furono mai veramente accolti in Gran Bretagna dopo l'abdicazione.

Kate Middleton e Meghan Markle, l'omaggio alla regina Elisabetta e Lady Diana: la tradizione delle "perle da lutto"

La nostalgia di casa

Per mesi, dalla California sono circolate voci secondo cui Harry ha nostalgia di casa, che gli mancano i suoi amici, i suoi vecchi compagni dell'esercito e persino la campagna inglese. «Cosa fai tutto il giorno», gli viene chiesto spesso da alcuni dei suoi più vecchi amici? È giusto dire che in Meghan e nei loro figli ha una vita domestica stabile ed estremamente felice. E sarebbe un errore ignorare il fatto che è a Londra solamente per il suo amore per la Regina.

Ma l'opportunità per i membri della famiglia reale raramente bussa più di una volta. Tra loro, suo padre e suo fratello gli hanno offerto una via del ritorno e lui ha avuto più di un assaggio della vita che si è lasciato alle spalle. C'è qui un pragmatismo da parte di Charles e William: hanno bisogno di lui. Dimagrire la Royal Family va benissimo, ma in soli due anni ha perso gran parte della sua potenza di fuoco: il caduto in disgrazia Andrew, gli assenti Harry e Meghan, e ora la Regina. Presto è probabile che quei cugini reali, i Gloucester e i Kent, che hanno svolto gran parte del lavoro pesante non celebrato, si ritireranno.

Ci sarà bisogno di più reali che lavorano, non di meno. Per Harry qualsiasi passo verso un reimpegno reale significherebbe un compromesso significativo. Può cancellare il libro, per esempio, e può fermare gli infiniti interventi critici di sua moglie su come sono stati trattati meschinamente dai reali? Ci dovrebbe essere un compromesso anche da parte di William, e non sarà facile qui trovare la strada della riappacificazione. Come riferisce un amico reale: «Puoi scusarti ma non puoi non dire le cose che hai detto su Harry e Meghan possano essere dimenticate».

Supponiamo solo che si sia verificata una qualche forma di riconciliazione e Harry fosse pronto a riprendere la sua vita qui, dove rimarrebbe Meghan? Potrebbero trovare un nuovo modello reale che permetta a Harry di ricongiungersi a "The Firm" e sua moglie per avere un ruolo semi-indipendente? Si potrebbe fare. Un ruolo di questo tipo si è sviluppato nel tempo per la principessa Diana, che ha continuato a sostenere Carlo negli eventi nazionali durante la loro separazione, ma ha seguito la propria strada in termini di doveri. La differenza ovviamente è che Diana non ha commercializzato la sua vita come hanno fatto Meghan e Harry. Ed è per questo, che nonostante tutti i segnali positivi che la presenza della coppia ha innescato, anche il più ottimista dei cortigiani non crede davvero che ci sia una via di ritorno per il Duca e la Duchessa di Sussex. Certo, torneranno per l'incoronazione di Carlo, ma dopo? 

Regina Elisabetta, la figlia Anna da principessa ribelle a riferimento della sovrana: al suo fianco fino alla morte

Harry compie 38 anni: pizza in famiglia?

Ma c'è chi azzarda che la pace potrebbe essere vicina e l'occasione potrebbe essere il compleanno di Harry. Oggi, Harry compie 38 anni ed è probabile che trascorrerà la giornata con la moglie Meghan Markle al Frogmore Cottage in celebrazioni in sordina visto il momento di forte dolore , ma un'esperta reale, l'ex corrispondente reale della BBC Jennie Bond, ha detto: «Sarà un altro compleanno incredibilmente triste per Harry, che ricorderà quel momento di 25 anni fa, quando compì 13 anni un paio di settimane dopo la morte di sua madre. Ma poi di nuovo, forse darà una pausa di riflessione e William e Kate potrebbero fare un salto in giro con una pizza o qualcosa del genere!» 

© RIPRODUZIONE RISERVATA