Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Da “L’amica geniale” alla Mostra del cinema di Venezia:
la Mazzucco è “Chiara” nel film della Nicchiarelli

Mercoledì 17 Agosto 2022 di Enrica Buongiorno
Da “L’amica geniale” alla Mostra del cinema di Venezia: la Mazzucco è “Chiara” nel film della Nicchiarelli

Ha il volto candido e gli occhi azzurri della napoletana Margherita Mazzucco, la protagonista di “Chiara” diretto da Susanna Nicchiarelli, uno dei cinque film italiani in concorso alla 79esima Mostra del Cinema di Venezia. Per ben 3 stagioni de “L’amica geniale”, la serie tv italo-americana tratta dai romanzi di Elena Ferrante, l’attrice partenopea è stata Elena Greco, ovvero Lenù, accanto a Gaia Girace che invece ha interpretato la irruente e istintiva Lila.

Il lungometraggio della Nicchiarelli (che sarà proiettato al Lido il 9 settembre) è incentrato sulla figura di Santa Chiara, amica di Francesco d’Assisi, nata ad Assisi nel 1194 e fondatrice dell’ordine delle Clarisse, canonizzata come santa Chiara nel 1255 da Papa Alessandro IV. La giovane e ribelle protagonista è interpretata proprio dalla Mazzucco, mentre Andrea Carpenzano è San Francesco. Nel cast anche Luigi Lo Cascio, Carlotta Natoli e Paola Tiziana Cruciani. “La vita di Chiara, meno conosciuta di quella di Francesco, ci restituisce l’energia del rinnovamento, l’entusiasmo contagioso della gioventù, ma anche la drammaticità che qualunque rivoluzione degna di questo nome porta con sé”, ha dichiarato la regista.

Le altre 4 pellicole italiane in concorso alla 79esima Mostra del Cinema di Venezia, dal 31 agosto al 10 settembre, sono: “Il signore delle formiche” di Gianni Amelio; “Bones and All” di Luca Guadagnino; “Monica” di Andrea Pallaoro e “L’immensità” di Emanuele Crialese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA