Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Robin Williams, a otto anni dal suicidio il ricordo dei figli commuove il web

Sabato 13 Agosto 2022
Robin Williams, il ricordo dei figli commuove il web: a 8 anni dal suicidio

Sono passati 8 anni da quell'11 agosto 2014 che sconvolse il mondo. Robin Williams fu trovato morto suicida, all'età di 63 anni. L'attore mai dimenticato dal suo pubblico, è stato omaggiato su Twitter dai suoi figli. «Papà, nell'ottavo anniversario dalla tua morte, voglio ricordarmi quanto sei stato incredibilmente gentile e gioioso», queste le commoventi parole del primogenito di Robin, Zachary Williams

Il ricordo

Le sue parole piene di tenerezza stanno commuovendo il web. Nel post social ha scritto: «Mi manchi profondamente, uomo meraviglioso e peloso e oggi festeggeremo la tua vita. Ti amo così tanto!», allegando una foto del passato dell'amato padre. Ma non è stato l'unico a ricordare il padre defunto. Anche l'unica figlia della star hollywoodiana, Zelda Williams, 33 anni, ha condiviso un altro «cinguettio» dolce sotto forma di una citazione dello scrittore giapponese Haruki Murakami. 

«E una volta che la tempesta sarà finita, non ti ricorderai come ce l’hai fatta, come sei riuscita a sopravvivere. Non sarai nemmeno sicuro se la tempesta sia davvero finita. Ma una cosa è certa. Quando uscirai dalla tempesta, non sarai la stessa persona che vi è entrata», aggiungendo in coda al messaggio i numeri di emergenza da chiamare per la prevenzione al suicidio.

La morte  

Robin Williams, infatti, fu trovato morto suicida, all'età di 63 anni, la sera dell’11 agosto 2014. Solo in seguito all’autopsia si scoprì cosa lo aveva portato a togliersi la vita. L’attore soffriva infatti della terribile demenza a corpi di Lewy, una patologia che attacca il cervello e provoca ansia, insicurezza e depressione, il secondo tipo più comune di demenza progressiva dopo l’Alzheimer.

© RIPRODUZIONE RISERVATA