Superlega, niente punizioni per i rivoltosi
ma arriva il tetto salariale per i club

Giovedì 22 Aprile 2021 di Emiliano Bernardini
Superlega, niente punizioni per i rivoltosi. Ma arriva il tetto ai compensi

Nessuna punizione. A ribadirlo è il numero uno della Uefa, Aleksander Ceferin: «Ammirabile ammettere un errore, ora avanti insieme». La carezza chiaramente è rivolta alle squadre inglesi, molto meno alle spagnole e alle italiane. Florentino Perez e Andrea Agnelli (lo aveva definito serpente) restano comunque nel mirino e isolati. Gli avvocati di Nyon hanno studiato a lungo le carte ma le basi per intentare cause milionarie non erano poi così...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA