Totti, Vieri, Del Piero: dopo il calcio
la vita da bomber sui social e in tv

Mercoledì 22 Luglio 2020 di Matteo Sorio
Totti, Vieri, Del Piero: dopo il calcio la vita da bomber sui social e in tv
«Second life». C'è vita anche oltre il pallone. O meglio, ce n'è un'altra. L'estate dei distanziamenti racconta di vecchi campioni vicini a un'idea diversa di sé. Se Bobo Vieri alias «Vita da bomber» è già il primo caso di ex calciatore fattosi leader, imprenditore e creatore d'intrattenimento social, il Francesco Totti versione-procuratore solleva lo scudetto del calciotto (gol decisivo alla Lazio) pensando ai primi talenti firmati dalla sua agenzia mentre la versione-attore, o comunque icona da schermo, corteggia già la ribalta con serie tv e film sulla propria epica giallorossa.

È un domani che nasce dal vuoto («Smettere mi fa paura», così Buffon due anni fa) per scoprire ciò che il pallone nascondeva. Può valere anche per il richiamo pedagogico di Damiano Tommasi che apre una scuola, per quello enogastronomico di Andrea Pirlo e Alex Del Piero, per quello di Andrea Barzagli che oggi vuol diffondere uno sport, il padel, nato in Messico negli anni 70 calcolando male gli spazi di un campo privato da tennis.

LEGGI ANCHE «Voglio una vita da bomber», Vieri è già tormentone 

Si chiama «Bobo Tv». Incarna un concetto: passare una serata nel salotto di Vieri. Ma potrebbe diventare un canale, vero e proprio, via digitale. Era il lockdown e Vieri, sospinto dalle sue spalle, gli ex compagni di squadra all'Inter Nicola Ventola e Lele Adani, inaugurava la diretta senza-filtri su Instagram, ospiti decine di glorie calcistiche. La canzone, «Vita da bomber», corredata di videoclip a base di piscina, sole e dolce vita, già due milioni di visualizzazioni, è figlia dei like accumulati in quel periodo da uno, Vieri, decollato a 2.5 milioni di follower: proposta arrivata da Universal e Polydor e la sensazione di assistere all'alba di una vita da brand.

E Totti? Una serie tv su Sky e il docufilm griffato Infascelli annunciano l'ulteriore scavo nella sua iconografia romanista. Titolo della serie, «Speravo de morì prima» (lo striscione apparso in curva il giorno dell'addio), uscita nel 2021, ciak in questi giorni. «Vedrete il lato umano e privato di Totti», così, ieri, da Sky, mentre Totti pubblicava un promo con lui e Pietro Castellitto a beccarsi su somiglianze e diete ipocaloriche. Per l'anteprima del film si aspetta la Festa del Cinema. Già attore in Celebrity Hunted, serie di Amazon Prime, vip sfidati a far perdere le tracce, quello di Totti è in realtà un cooling break dentro una partita chiamata CT10 Management. «Forgiamo gli atleti del futuro», recita il sito dell'agenzia, online da giugno. Management e scouting, sede alla Torre Eurosky in zona Eur. Alla guida Totti e l'agente Fifa Giovanni De Montis, a battezzare la scuderia i talenti Bonavita (Inter), Retegui (argentino), Pagano (Roma).
 

Il ristorante si chiama N10. Il titolare abita a Bel Air e su Tripadvisor i turisti italiani più fortunati postano una foto con lui al tavolo. È dal 2014, anno del ritiro, che Alex Del Piero vive a Los Angeles e a marzo, ricevendo le Due Forchette di Gambero Rosso, diceva: «Importare le nostre tradizioni mi fa sentire più vicino a casa». A casa sua, Brescia, da anni Andrea Pirlo s'è tuffato tra i vigneron. Prossima guida della Juventus Under 23, l'ex papà della Maledetta produce 40mila bottiglie l'anno. Salutata la stessa Juve, dal canto suo Andrea Barzagli progetta di aprire a Perugia, socio Marco Materazzi, un centro di padel, quel tennis di coppia con le pareti valide come sponda. Già aperta, invece, la scuola privata paritaria di Damiano Tommasi, ex presidente del sindacato calciatori. Una villa veronese del 700, didattica tecnologica e classi a nuovo per il distanziamento. Una «second life» nell'istruzione. Anche quello è guardare al domani. Ultimo aggiornamento: 08:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA