Natale a Napoli, luminarie da piazza dei Martiri a Secondigliano: ecco tutti i disegni

Lunedì 11 Ottobre 2021 di Emma Onorato
Ciro Fiola, presidente della Camera di Commercio di Napoli

«Una vetrina non si prepara il 24 dicembre, una vetrina per poter essere vista dai clienti si prepara almeno un mese e mezzo prima», così esordisce il presidente della Camera di Commercio di Napoli, Ciro Fiola, durante la presentazione del progetto Illuminiamo Napoli 2021. Le luminarie che daranno luce e speranza alla città in vista del prossimo Natale sono state oggetto di numerose critiche a causa delle tempistiche di istallazione, avviate con largo anticipo. Polemiche infondate, secondo il presidente Fiola che rimembra che non c'è stata alcuna fretta, si è rispettato il cronoprogramma prestabilito: «Tutte le capitali europee illuminano a inizio novembre, e per illuminare 130 km di strada c'era bisogno di tempo, almeno 45 giorni». Le illuminazioni verranno attiviate - secondo quanto stabilito - per l'inizio del mese di novembre, anche se ancora non è stata comunicata una data ufficiale. Sono 36 le piazze che prenderanno luce e colore a Napoli e provincia. Da piazza dei Martiri a San Giovanni a Teduccio, e per la prima volta anche Scampia, Secondigliano e via Santa Teresa al Museo.

 

Un progetto da 2,2 milioni di euro - presentato il 27 settembre alla sovrintendenza dal Comune di Napoli - che si pone l'obiettivo di rilanciare il turismo e il commercio della città, diventando un'attrazione per milioni di turisti. 

Ma è ancora un punto interrogativo sul caso del mega Babbo Natale che fu installato in prova in piazza Vittoria. Si è in attesa che questa proposta venga autorizzata dalla sovrintendenza: «Il Babbo Natale non è bello o brutto, regala un'emozione, soprattutto ai bambini, perché ricorda qualcosa di bello e diverso che sta per arrivare. Noi a questo avremmo dovuto pensare. Per una volta che questa città programma e realizza, mi aspettavo una risposta diversa, più vicina all'idea di andare avanti e vedere, perché questa città ce la può fare». 

Video

Fiola conclude rivolgendo un ringraziamento al neo sindaco, Gaetano Manfredi, per aver apprezzato lo sforzo della Camera. Tra i progetti futuri  - in prospettiva del Natale 2022 - si sta sviluppando l'idea di coinvolgere anche la città metropolitana di Napoli, così da  aumentare i chilometri e illuminare le strade che quest'anno non sono rientrate nel progetto delle luminarie. 

Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 08:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA