A tre anni vestiti da Genny e Scianel,
Donadio: «Un’immagine da brividi»

di Rossella Grasso

«Magari la colpa delle baby gang fosse di Gomorra! Basterebbe eliminare serie e film e il problema sarebbe risolto». Così Cristina Donadio, la Scianel del gruppo di camorristi televisivi, dice la sua sul tormentone degli ultimi mesi che imputa alla fortunata serie televisiva la colpa dei reiterati atteggiamenti violenti tra i giovani in città. «Le baby gang esistono da sempre – ha continuato – prima si chiamavano scugnizzi, rubavano i soldi agli americani, si facevano il bagno nelle fontane. Poi sono ovunque, non è un problema di Napoli. Siamo andati a presentare Gomorra in Spagna. Appena siamo arrivati abbiamo appreso la notizia che a Bilbao c’era stato un omicidio commesso da una baby gang, Gomorra però non è ancora arrivata lì. Gomorra è un prodotto cinematografico, il suo successo è dovuto al fatto che è fatto a un livello altissimo. Quindici stagioni di Don Matteo hanno creato una generazione di aspiranti preti?».
 


Cristina Donadio è intervenuta insieme allo scrittore Rosario Esposito La Rossa all’incontro all’Università Suor Orsola Benincasa dal titolo La camorra in letteratura e al cinema: opportunità e criticità in cui si è cercato di spiegare i fenomeni mafiosi attraverso la lettura dei libri o la visione di un film. Un progetto di approfondimento didattico nato dai percorsi di studio di ambito criminologico e sociologico con il coordinamento di Isaia Sales, fondatore proprio al Suor Orsola del primo insegnamento universitario in Italia specificamente dedicato alla Storia delle mafie.
 
L’attrice ha detto di aver rabbrividito vedendo la foto che ritrae due bambini di massimo tre anni a testa travestiti da Genny e Scianel per il Carnevale. Da giorni circola sul web e ha diviso l’opinione pubblica tra chi si è manifestato disgustato e chi invece ha giudicato la trovata geniale. L’attrice non ci sta ed è critica nei confronti di chi ne è rimasto divertito e soprattutto contro i genitori dei due bambini: «I due bambini della foto hanno una pistola in mano e dicono ‘’e sparamm ‘mmocc a tutt quant’ – dice – È bruttissimo perché quel bambino non sa nemmeno che cosa sta facendo, ma i suoi genitori lo sanno bene. Quella foto mi ha addolorato perché dietro c’è una figura genitoriale che ha fatto truccare i due bambini e gli hanno messo in bocca delle parole terribili. Sento che c’è un momento di fragilità sociale rispetto alla camorra, non a Gomorra». 
Giovedì 8 Febbraio 2018, 18:37 - Ultimo aggiornamento: 08-02-2018 20:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-02-09 10:08:06
e' tutto vero quanto dice la signora però deve considerare che il fenomeno Gomorra è visto con criticità da chi non appartiene a quel mondo ma per gli appartenenti alla delinquenza comune Gomorra è stato eletto come esempio da imitare ed è considerato un documento di valore per loro
2018-02-09 09:32:55
Prima han dato la bicicletta e poi non vogliono che si pedali !!
2018-02-08 22:19:46
Ma questa signora sa che tra gli adolescenti esiste il famoso spirito di emulazione. Gomorra non fa altro che mostrare ad alcune frange di adolescenti (molto strumentabilizzabili per vari motivi) che il modello delinquenziale camorristico proposto e' in qualche modo vincente e quindi va emulato. Ma la cosa che non capisco come mai nella finzione cinematografica di Gomorra lo stato sia praticamente assente ? Eppure bene o male le forze dell'ordine il loro lavoro lo fanno e i delinquenti in galera ci vanno e ci andranno. Mostrare questo aspetto forse potrebbe aiutare a far capire che l'essere un criminale non paga .
2018-02-08 21:46:03
Purtroppo la cultura del degrado cammorristico ha un confine confuso ed intimo con la napoletanità stessa. Alcuni inorridiscono di fronte a certe raffigurazioni altri invece le vedono come simpatico folklore che in fondo fa ridere come una qualsiasi macchietta tipica. Indipendentemente dal livello culturale Il napoletano vive da sempre immerso nel substrato di degrado, malavita, parassitismo, sciatteria e fatalistico menefreghismo che attribuisce per convenienza a colpe altrui. Il Nord, i Piemontesi, Roma ladrona, insomma tutti tranne che a se stesso. Che sia dotto laureato o periferico degradato egli riesce solo a trarre nutrimento da quella che in fondo è proprio la sua essenza più intima. D'altronde se questo ex paradiso fosse abitato da gente di cultura teutonica sarebbe sempre il simpatico variopinto mondo napoletano? Signori e Signore, così è se vi pare.....
2018-02-08 19:11:56
La Donadio ha parlato dei videogiochi, ma lo sa che dietro c'è una lobby? E se pur i videogiochi fossero un cattivo veicolo per i ragazzi, di questo non se ne deve parlare perchè la lobby si arrabbierebbe. E poi come la mettiamo con le mazzette?

QUICKMAP