Terra dei Fuochi, chiuse quattro aziende: multe per oltre mezzo milione di euro

Terra dei Fuochi, chiuse quattro aziende: multe per oltre mezzo milione di euro
Venerdì 16 Settembre 2022, 14:11
3 Minuti di Lettura

Ancora una risposta forte alle istanze di sindaci ed associazioni ambientaliste, nell’ambito dell’operazione “Terra dei Fuochi”, nell’accertamento e repressione dei reati ambientali, produzione e smaltimento abusivamente di rifiuti speciali. L'hanno data l’esercito italiano e le forze dell’ordine dirette e coordinate dal vice prefetto Filippo Romano, incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania, nei giorni 14 e 15 Settembre 2022, nei comuni di Parete, Trentola Ducenta, San Marcellino, Frignano e Casaluce, nella provincia di Caserta, e nei comuni di Casalnuovo, Castello di Cisterna e Pomigliano d’Arco, nella Città Metropolitana di Napoli.

Il costante monitoraggio del territorio con pattuglie a terra e con i migliori e più avanzati sistemi di sorveglianza dalla terza dimensione ha permesso agli operatori e specialisti dell’esercito, delle forze dell’ordine e dal reparto operativo aeronavale della guardia di finanza di analizzare i risultati ed individuare siti, aree ed aziende che sono state controllate nell’ambito di un’ampia operazione interforze nella giornata del 15 settembre.

Il 14 settembre, nel comune di San Marcellino, in provincia di Caserta, l’azione congiunta dei bersaglieri del 3° reggimento e della polizia metropolitana di Napoli ha portato al sequestro di un’autocarrozzeria abusiva e all’elevazione di sanzioni amministrative per oltre 215 mila euro per le molteplici irregolarità, oltre alla denuncia per il proprietario dell’area interessata.

Il 15 settembre, nei comuni di Castello di Cisterna, Casalnuovo di Napoli, Pomigliano d’Arco e Afragola sono state invece poste sotto sequestro tre attività delle quattro controllate, denunciate quattro persone ed elevate sanzioni amministrative per oltre 352 mila euro. I controlli hanno visto impegnato un ingente spiegamento di forze con molteplici pattuglie dell’esercito, polizia di Stato di Acerra, carabinieri e guardia di finanza oltre a polizia metropolitana di Napoli e polizie municipali di Casalnuovo e Pomigliano d’Arco supportati dai funzionari dell’Ispettorato centrale repressione delle frodi.

Video

Le operazioni congiunte di esercito, forze di polizia dello Stato e locali con i Vigili del Fuoco e le agenzie preposte al contrasto dei reati ambientali, proseguono incessantemente e con determinazione in risposta alle istanze di cittadini, istituzioni locali e imprese. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA