Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Avvocato in bici da Pompei a Capo Nord, impresa con un messaggio di pace

Sabato 13 Agosto 2022 di Dario Sautto
Avvocato in bici da Pompei a Capo Nord, impresa con un messaggio di pace

Pompei. È partito da Pompei in sella alla sua bici, con un solo obiettivo: raggiungere Capo Nord prima di Ferragosto. Un'impresa sportiva unica che Michele Di Somma, penalista specializzato in normative sul web, e noto sui social come «l'avvocato in bicicletta», ha raggiunto in solitaria, attraversando tutta l'Italia e altri 18 Paesi europei, sfiorando l'Ucraina in guerra attraverso la Polonia, e la Russia in direzione nord. «Con me ho portato una bandiera della Pace per portare un messaggio positivo anche a loro» afferma oggi, appena giunto l'estremo nord della Norvegia.

Partito da Pompei lo scorso 3 luglio, Di Somma ha effettuato 35 tappe, con alcuni giorni di pausa per ricaricarsi lungo il percorso e per attraversare un tratto del Mar Baltico. Negli ultimi 20 chilometri, il meteo non è stato clemente ed ha incontrato venti a oltre 75 chilometri orari, ma ha comunque tagliato il suo personale traguardo dopo aver percorso circa 5mila chilometri, attraverso Italia, Slovenia, Austria, Ungheria, Slovacchia, Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia, Finlandia e Norvegia. Adesso toccherà Svezia, Danimarca, Germania, Olanda, Belgio, Francia, Lussemburgo e Svizzera durante le altre 35 tappe di ritorno.

Se nel 2020 aveva percorso in bici tutta Italia raccontando il suo viaggio nel libro «Il mio Giro d'Italia», nel 2021 Michele Di Somma in bici ha percorso il Cammino di Santiago, prima di partecipare alla storica Pompei-Cesenatico. «Stavolta – spiega Michele Di Somma – avevo bisogno di una sfida diversa perché sono convinto che chiunque nel suo piccolo può fare qualcosa di grandioso, basta volerlo. E nel progettare la mia Nord Kapp volevo portare, attraverso lo sport, un mio personale messaggio di pace lungo il confine di un conflitto che va avanti ormai da sei mesi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA