Coronavirus a Napoli, è morto il dipendente dell'Anm: contagiato dopo un viaggio dalle figlie al Nord

Martedì 24 Marzo 2020 di Elena Romanazzi

Si chiamava Ettore Spigno, aveva 62 anni, era un ispettore di esercizio dell'Anm. Si è spento dopo aver contratto il Coronavirus. L'ultimo giorno che aveva lavorato presso l'azienda di trasporto pubblico locale è stato il 5 marzo. Poi era partito verso nord a trovare le figlie. Pochi giorni, al rientro , il 10 marzo, non si sentiva bene, qualche linea di febbre un po' di spossatezza. Poi è risultato positivo. Non ce l'ha fatta. È l'ennesima vittima del Covid-19. L'azienda si è stretta intorno alla famiglia, alla moglie e alle due figlie. «È un dolore - si legge in una nota dell'amministratore unico Nicola Pascale - e ci colpisce moltissimo».

Sgomento in azienda e tra i colleghi, hanno appreso increduli la notizia e il rapidissimo e drammatico decorso della malattia. 

Ultimo aggiornamento: 25 Marzo, 08:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA