Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Paolo Scudieri, ecco chi è il proprietario dello yacht in fiamme a Formentera: ad di Adler, società da 1,5 miliardi di fatturato

Venerdì 12 Agosto 2022
Paolo Scudieri, ecco chi è il proprietario dello yacht in fiamme a Formentera: ad di Adler, società da 1,5 miliardi di fatturato

Classe 1960, cavaliere del lavoro nel 2007 e amministratore delegato del Gruppo Adler Pelzer, l'azienda di famiglia leader mondiale dei rivestimenti per auto. È l'identikit di Paolo Scudieri, il proprietario dello yacht di lusso andato a fuoco nell'isola baleare di Formentera. L'imbarcazione dal valore di 25 milioni di euro era al suo primo viaggio. 

Chi è Paolo Scudieri, proprietario dello yacht bruciato 

Laureato in ingegneria industriale all’Università di Basilea, Paolo Scudieri guida il Gruppo Adler Pelzer, azienda di famiglia fondata dal padre Achille Scudieri nel 1956 a Ottaviano che oggi realtà internazionale con 64 stabilimenti e più di 15mila dipendenti per un fatturato superiore a 1,5 miliardi. L'azienda è il primo produttore italiano di imbottiture per veicoli: sistemi per il comfort acustico e termico e rivestimenti e pannelli per portiere e tappeti interni.

Dopo essere stato membro della giunta nazionale di Confindustria, nel 2007 è stato nominato Cavaliere del Lavoro e nel 2013 è stato insignito del Premio Leonardo Qualità Italia dal Presidente Napolitano. Nel 2011 ha ricevuto la nomina NIAF (National Italian American Foundation) quale migliore imprenditore italo-americano. Da gennaio 2019 è Presidente di ANFIA-Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica.

 

Lo yacht aveva a bordo piscina e palestra 

Aria SF, lo yacht distrutto dalle fiamme era lungo 44 metri e costava 25 milioni di euro ed era stato varato lo scorso aprile. Il modello, ultimo sul mercato, è stato disegnato dall'italiana ISA Yachts e a bordo ha piscina, 5 camere da letto e una palestra. Secondo il sito specialistico Superyacht Times lo yacht avrebbe dovuto debuttare al Cannes Yacht Festival. L'imbarcazione era al suo primo viaggio. 

Ignote le cause dell'incidente 

Ancora ignote le cause che hanno fatto divampare le fiamme. L'allarme è stato lanciato alle 17 di giovedì, quando l'imbarcazione si trovava a largo di Cala Saona, una delle spiagge più note di Formentera. Al momento dell'incendio a bordo c'erano i 7 membri dell’equipaggio e 9 passeggeri che hanno abbandonato la nave e non sono rimasti feriti. Ci sono volute diverse ore per spegnere l'incendio, il fumo era visibile anche dalla vicina isola di Ibiza. 

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 12:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA