Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Officine San Carlo, a Vigliena parte «La fabbrica urbana della creatività»

Sabato 26 Marzo 2022
Officine San Carlo, a Vigliena parte «La fabbrica urbana della creatività»

Officine San Carlo, una struttura non convenzionale, una fabbrica urbana della creatività affacciata sul mare del porto industriale di Vigliena: è il polo formativo e produttivo del teatro di San Carlo che sorge nel distretto di Napoli Est.

La nuova sperimentazione del teatro di San Carlo, resa possibile grazie al progetto “La fabbrica urbana della creatività: il San Carlo a Vigliena” vincitore dell’avviso pubblico “Creative living lab– 3 edizione” – Costruire spazi di prossimità – promosso dalla direzione generale creatività contemporanea del Ministero della Cultura,nasce dalla riconversione degli stabilimenti ex Cirio di Vigliena nella zona industriale di Napoli Est (stradone Vigliena 23, circoscrizione di San Giovanni a Teduccio). Il progetto di riconversione è frutto dell'accordo del 2007 tra autorità portuale, demanio, Comune di Napoli e Regione Campania che ha conferito la gestione dell'opificio al teatro di San Carlo per destinarvi un luogo più idoneo ad accogliere i laboratori di scenografia e falegnameria del San Carlo.

Video

L’intento del teatro di San Carlo è di promuovere la realizzazione di un polo della creatività, che sia insieme formativo e produttivo, con l’obiettivo di inserire questa nuova fabbrica urbana creativa all’interno di un tessuto connettivo che vede coinvolte varie entità della zona, generando con esse uno scambio proficuo e nuove ricadute nel territorio, dove possano confluire le attività educational delle Officine San Carlo attivate nell’ambito della struttura rigenerata della nuova “fabbrica della creatività”, creando importanti opportunità di dialogo con la comunità attraverso la partecipazione attiva della cittadinanza alle attività formative-ricreative.

La fondazione teatro di San Carlo garantisce forme di partenariato e collaborazioni già consolidate sul territorio, oltre ad una organizzazione interna molto profilata nel settore artistico e culturale di riferimento.

Il team di progetto costituito da figure professionali altamente qualificate che hanno già operato nel settore della rigenerazione urbana oltre che in contesti di forte impatto sociale, grazie ad azioni mirate all’inclusione e all’integrazione volte alla creazione di un’economia circolare in contesti socio-ambientali in cui la rigenerazione attivi una programmazione sostenibile nel lungo periodo, grazie anche ad una competenza manageriale e di progettazione culturale, oltre che di formazione teatrale in ambito educational che fa capo all'organizzazione interna della Fondazione.

Il San Carlo è il teatro lirico più antico d’Italia, a cui fa capo la gestione progettuale e il coinvolgimento di esperti, maestri, artisti, scenografi, progettisti culturali e manager dello spettacolo anche interni all’organizzazione, con il sostegno dei partner individuati in base alle specifiche competenze e unicità nel territorio e nell'ambito di riferimento. Officine San Carlo vuole essere un nuovo modello di officina formativa tra passato e futuro, che unisce in un unico processo creativoe in un unico spazio non convenzionale, artisti e cittadinanza.

La struttura si presenta come un osservatorio sulla realtà territoriale al fine di creare nuove opportunità per il cittadino, nuove occasioni d'incontro e confronto. L'idea di fondo consiste nell'incentivare tutti quei meccanismi d'inclusione sociale e sviluppo culturale che il territorio è capace di offrire, coltivando il talento di giovani creativi e capaci, spesso costretti al silenzio dalla mancanza di effettive opportunità.

Nel futuro dei laboratori artistici di Vigliena vi è il potenziamento della trasformazione di questo luogo rigenerato – riconvertito e riqualificato dal San Carlo rispetto alla destinazione d’uso originaria di fabbrica della Cirio - in un polo formativo e produttivo: una nuova fabbrica metropolitana del talento e della creatività che possa rigenerare il territorio, la comunità locale, la cittadinanza in maniera attiva e reattiva, coltivando appunto i sogni di tutti quei giovani che non avrebbero altre opportunità di crescita e di occupazione.

I laboratori artistici di Vigliena nascono con una forte vocazione di spazio aperto alla città e al quartiere: un luogo vivo, aperto alle associazioni di musica e di teatro e del terzo settore in generale. “La fabbrica urbana della creatività: il San Carlo a Vigliena” intende essere un centro di sperimentazione, capace di coltivare e far germogliare percorsi multidisciplinari.

LEGGI ANCHE La Napoli di De Bartolomeis: «Io, i giovani e l'arte per Capodimonte»

Un luogo dove produrre arte, sperimentare nuovi modelli di produzione creativa, di formazione teatrale, che passa anche attraverso la competenza manageriale, l’innovazione dei processi gestionali e la capacità di creare occasioni fertili di contaminazione di generi e risorse, sia umane che strumentali, e nuove opportunità di occupazione giovanile.

«La rete e la connessione con il territorio sono le prerogative di questo progetto cheprevede partecipazione e inclusione sociale al fine di realizzare un'efficace azione di discontinuità e combattere la povertà educativa attraverso gli strumenti offerti dall'arte – ha sottolineato IL Sovrintendente del Teatro San Carlo Stéphane Lissner- È per questo che il Teatro di San Carlo intende attivare una rete di partnership sul territorio, in grado di amplificare e ramificare la portata del progetto Vigliena».

«Un progetto singolare che unisce l’istituzione culturale più importante della nostra città con le nostre periferie all’insegna della rigenerazione urbana basata sulla creatività in cui credo moltissimo-afferma il sindaco e presidente della fondazione San Carlo Gaetano Manfredi - Un segnale concreto del lavoro che stiamo facendo e che vogliamo fortemente potenziare per utilizzare la cultura come grande strumento di trasformazione urbana, di riscatto scale e di riequilibrio della nostra città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA