Parlamento della Legalità, il cammino riparte da Procida

Una veduta di Procida
Una veduta di Procida
Sabato 24 Settembre 2022, 16:28
4 Minuti di Lettura

Si inaugura in Campania il cammino del Parlamento della legalità internazionale che porterà nelle scuole esperienze vive di legalità. Il presidente Nicolò Mannino comincia da Procida, capitale della cultura, dove il primo cittadino Dino Ambrosino gli ha conferito un ambito riconoscimento per tutto quanto ha realizzato in Italia e all’estero col suo movimento culturale. Il prossimo appuntamento sarà con la Rete di scopo delle scuole campane con la coordinatrice Floriana Nappi.

Il cammino del Parlamento della legalità internazionale, teso a promuovere “una vita a colori” nella legalità, tra gli studenti di tutte le nazionalità, parte da Palermo per poi fondare ambasciate in Italia e all’estero, come in Cairo e in Africa. Il sindaco Dino Ambrosini nella sala consiliare del Comune lo ha accolto con entusiasmo, consegnandogli una targa a nome di tutta la sua città. La motivazione, che ha commosso il presidente Mannino, punta al cuore del suo operato: «Per l’intensa e appassionata attività, volta alla crescita dei valori e della cultura della libertà, della giustizia, della fratellanza e della pace».  

Il sindaco Ambrosini ha auspicato una collaborazione con il Parlamento della legalità internazionale . «Siamo lieti di condividere i progetti di legalità indispensabili per la crescita civica dei ragazzi e di tutta la comunità». Il presidente Mannino ha chiarato: «Sono davvero onorato di aver ricevuto questo significativo riconoscimento - e aggiunge - potremo realizzare un incontro con tutte le ambasciate dei ragazzi del Parlamento della legalità internazionale a Procida». Tutta la città è entusiasta. Mannino ha ringraziato e condiviso il suo riconoscimento con i sindaci: Antonio Sabino di Quarto e Peppe Pugliese di Monte Procida, presenti all’evento e già attivi da tempo con il Parlamento della legalità internazionale.

Mannino ha donato al sindaco di Procida il volume “Svegliati e vola” scritto dai giovani delle diverse Regioni d’Italia con la collaborazione di Istituzioni civili e religiose. Da anni il progetto del Parlamento della legalità internazionale arriva al cuore dei ragazzi. Mannino parla una lingua credibile, quella di chi agisce anche in territori difficili con coraggio e determinazione e il suo accento siculo è più che credibile dal momento che nato a San Cipirello, ha vissuto a pochi passi da Corleone. Dalla macchina blindata, con il giudice Antonino Caponnetto, dà vita al Parlamento della legalità internazionale, mentre tutto intorno era terra che bruciava e i grandi uomini saltavano in aria.

Mannino però non vuole che i giovani crescano con la paura di essere dalla parte giusta. Per questo motivo promuove progetti perché i giovani vivano la gioia della legalità, del rispetto, dell’amore verso l’altro. Grazie al supporto del vicepresidente Salvatore Sardisco e dei coordinatori regionali si promuovono progetti che cambiano il percorso formativo dei giovani. 

 

Per la Campania, con la coordinatrice Floriana Nappi, si pianificano progetti di promozione della legalità, destinati a incidere sul territorio e soprattutto sui giovani. A ottobre si avvierà il primo.

«Sono orgogliosa di questo cammino – ha dichiarato la coordinatrice Floriana Nappi – e insieme continueremo a dare opportunità ai giovani perché la risposta sociale sia sempre più culturale e soprattutto all’insegna della libertà di pensiero e di azione. I giovani saranno l’esercito più straordinario contro la criminalità organizzata grazie al Parlamento della legalità internazionale, al presidente Mannino e al vicepresidente Sardisco».

© RIPRODUZIONE RISERVATA