Il Treno della Memoria del Milite Ignoto arriva oggi alla Stazione centrale di Napoli

Il Treno della Memoria del Milite Ignoto arriva oggi alla Stazione centrale di Napoli
Giovedì 3 Novembre 2022, 12:33 - Ultimo agg. 20:16
3 Minuti di Lettura

Dopo aver percorso svariati km attraverso l'Italia come prosecuzione simbolica dello storico viaggio del convoglio speciale che nel 1921 trasportò da Aquileia a Roma la salma del Milite Ignoto, il Treno della Memoria arriva al binario 9 della stazione centrale di Napoli, alle ore 9 di questa mattina.

L'evocativo viaggio dello storico convoglio ferroviario, articolato su diciassette tappe e cento ore di percorrenza, è stato organizzato dallo Stato Maggiore della Difesa in collaborazione con il gruppo Ferrovie dello Stato italiane, con il supporto della fondazione Fs e la struttura di missione per la valorizzazione degli anniversari nazionali e della dimensione partecipativa delle nuove generazioni della presidenza del consiglio dei ministri.

Ad accogliere il treno il comandante delle forze operative sud, generale di corpo d'armata Giuseppenicola Tota, e le autorità locali. Presenti numerosi studenti di alcuni istituti scolastici della Campania per assistere alla cerimonia di commemorazione e ascoltare le note della «Marcia del Piave» eseguite dalla Fanfara dell'ottavo reggimento bersaglieri.

Sarà possibile effettuare visite a bordo del convoglio fino alle ore 18 del 3 novembre. Il treno ripartirà domani 4 novembre per dirigersi a Roma, dove concluderà il suo itinerario, dopo un lungo viaggio inizato da Trieste lo scorso 6 ottobre.

Il treno mercoledì ha sostato alle ore 12:20 nella stazione di Agropoli/Castellabate. «Apprendiamo con grande favore - afferma il sindaco Roberto Mutalipassi - che è stata accolta la richiesta da noi formulata nelle scorse settimane al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al ministero della Difesa e a Fs. Una iniziativa di alto valore storico e civile, quella del Treno della memoria, che vuole essere occasione per mostrare riconoscenza a chi ha sacrificato la propria vita per la Patria»

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA