Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Teatro cerca Casa arriva a Somma Vesuviana per la Festa delle Lucerne

Mercoledì 3 Agosto 2022
Teatro cerca Casa arriva a Somma Vesuviana per la Festa delle Lucerne

Il Teatro cerca Casa e la trova a Somma Vesuviana alla Festa delle Lucerne. Giovedì 4 agosto alle 19:30 lo spazio culturale Il Torchio ospita per la prima volta lo spettacolo itinerante Il giardino delle fate imbellite, curato dal regista Fabio Cocifoglia. «Il pubblico sarà accolto in un giardino incantato - spiega Cocifoglia - attraverserà un percorso tra antichi cunti e dolci canti, tra fate imbellite e donne di farina, tra pupazzi ubriachi e custodi di lucerne, tra saggi pazzi di paese e nonni custodi della memoria, ognuno con la sua storia da raccontare, ognuno col suo tempo che brucia nella fiamma della lucerna. Il modo migliore per essere iniziati al percorso della festa delle Lucerne, tra le magiche mura del Casamale».

In scena gli attori della compagnia de Il Torchio: Rita Cioffi, Rosangela Angri, Imma Pone, Gaetano Nocerino, Arianna Gera, Ilaria Varriano, Mariangela Raia, Vincenzo di Marzo, Michele DAvino. Inoltre, lo spazio de Il Torchio farà da campo base per tutta la serata. Chi si dovesse stancare durante il percorso a piedi tra i vicoli del borgo, troverà rifugio e potrà riposarsi. L’ideatore e direttore artistico de Il Teatro cerca Casa Manlio Santanelli aveva scelto per questa stagione il sottotitolo «Itineranza: il teatro, un viaggio nell’infinito».

«Con Le fate imbellite di Cocifoglia - commenta Santanelli - è confermata la predisposizione ad abbracciare chi intende essere in perenne movimento, attraverso un teatro che è viaggio verso l’infinito, perseguendo l’obiettivo di esplorare tutte le dimensioni contenute nell’immaginazione». «La dimensione domestica è la nostra dimensione perfetta - spiega l’organizzatrice Livia Coletta - ma negli ultimi anni è stato naturale e stimolante abbracciare altri spazi nel nostro circuito teatrale alternativo come feste, musei, chiese e giardini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA