Firenze, cucciolo di volpe rinchiuso in gabbia per attirare la madre: morto di stenti

Lunedì 26 Luglio 2021 di Remo Sabatini
Un cucciolo di volpe di pochi mesi. (Foto repertorio Remo Sabatini)

Un cucciolo di volpe, trovato rinchiuso in una gabbia, è morto di stenti. Il piccolo, di quasi 4 mesi di età, era detenuto all'interno di una trappola di ferro composta da due gabbie, l'una all'interno dell'altra. Una specie di macabra matrioska dove il piccolo era stato relegato in quella più piccola. Il triste ritrovamento è avvenuto nel corso di una operazione di controllo sull'attività venatoria dalla Polizia Provinciale del capoluogo fiorentino, nei pressi di un fabbricato in località Gaville, piccola frazione di Figline e Incisa.

 

 

Stando a quanto immediatamente ricostruito dagli agenti, gli autori dell'impresa avevano pensato di usare il cucciolo come esca per attirare e quindi catturare anche la madre ritenuta responsabile di guai in un pollaio vicino. Le condizioni del volpino, apparse subito gravi, sono precipitate. Tanto che la corsa per riuscire a salvarlo, è stata inutile. Stremato, non è chiaro da quanto tempo fosse stato rinchiuso e sembra venisse nutrito con carne putrida e acqua contaminata, il volpino è morto poco dopo il rinvenimento. I presunti colpevoli sono stati individuati.

 

 

Ultimo aggiornamento: 19:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA