CORONAVIRUS

Zaia: «Giovani, chi va all'estero rischia». De Luca: «Controlli o frontiere chiuse»

Lunedì 10 Agosto 2020
Luca Zaia: «In Veneto 20 positivi in più. Preoccupato dai giovani, chi va all'estero rischia»

Coronavirus, il bollettino di oggi in Veneto, reso noto dal presidente della Regione, Luca Zaia. ​«I tamponi, realizzati in questo momento, sono 1.317.402. Altri 1.2mln circa i test rapidi. Positivi: 20.676, 20 in più rispetto a ieri. Persone in isolamento: 5.342, non abbiamo un incremento di isolati. I ricoverati sono 112, anche qui ricordo che alzavo bollettini molto più alti qualche mese fa. Terapie intensive: 9, 3 negativi e 6 positivi. I dimessi sono 3.767, i morti 2.083, il totale resta invariato».
 

Luca Zaia: «Centro accoglienza Jesolo gestito male, strutture pericolose per la salute»

De Luca: controlli o frontiere chiuse. «Abbiamo verificato, negli ultimi giorni, che l'80 per cento dei contagi registrati deriva da contatti con cittadini provenienti o rientranti dall'estero. È indispensabile sottoporre quanti arrivano o rientrano dall'estero all'obbligo di quarantena in relazione ai voli provenienti da Paesi a rischio». È quanto sostiene il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. «Sono indispensabili il controllo della temperatura corporea ma anche test sierologici, e una stretta rigorosa sui controlli, altrimenti diventerà inevitabile la chiusura delle frontiere - sostiene - L'invito ai cittadini è di rispettare rigorosamente le misure di precauzione e prevenzione previste, senza le quali va evitato di avere contatti con quanti, anche familiari, rientrano da viaggi all'estero».

Coronavirus, altri sette positivi in Abruzzo: quasi tutti in provincia di Chieti
 

 

Zaia, l'allerta giovani

«Il virus c'è e continua ad avere micro focolai - ha detto Zaia - la Sanità del Veneto intercetta i casi e tutti i contatti e li isola, il nostro piano funziona così, è esattamente il modello Vo'. Si sta abbassando l'età media dei contagiati in maniera notevole: adulti e anziani si mettono in sicurezza, i giovani - magari attratti dalle grandi aggregazioni - vengono oggi infettati. Non dico di non andare all'estero a chi pensa alle vacanze, ma se andate sappiate che rischiate di più: usate la mascherina e igienizzate le mani, fate attenzione. Faccio davvero un appello ai ragazzi, state attenti. Non abbassiamo la guardia».
 
 

Zaia, il problema micro-focolai. «Il virus c'è e continuiamo ad avere dei micro-focolai, ma il sistema della sanità pubblica in Veneto funziona», sottolinea Luca Zaia, oggi in diretta su Facebook. «Si sta abbassando l'età media in maniera notevole. Nei paesi a rischio, usate la mascherina. Attenzione ai ragazzi, è la settimana di Ferragosto, attenzione agli assembramenti. La percentuale dei giovani/adulti contagiati è aumentata», precisa il presidente della Regione Veneto. Sull'argomento trasporti dichiara, «noi dobbiamo insistere sull'obbligo assoluto della mascherina ed essere meno intransigenti sul distanziamento nei mezzi di trasporto, altrimenti avremo il caos».

Virus scuola, «niente distanza sullo scuolabus se il tragitto è inferiore a 15 minuti». Lo prevede il decreto di Conte

Ultimo aggiornamento: 14:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA