Treviso, Marta Novello dimessa dall'ospedale: trascorrerà la Pasqua in famiglia

Sabato 3 Aprile 2021
Marta Novello, la ragazza di Treviso accoltellata alla schiena, torna finalmente a casa

Potrà finalmente tornare a casa e trascorrere le festività di Pasqua in serenità Marta Novello, la ragazza di Mogliano Veneto (Treviso) accoltellata da un 15enne mentre faceva jogging nel quartiere Marocco della città. La 26enne si è risvegliata dal coma riprendendo a respirare autonomamente, lo scorso 24 marzo, dopo due interventi chirurgici e a sole 48 ore dall'aggressione. Oggi la giovane studentessa potrà finalmente riabbracciare il padre, la madre e il fratello minore mentre tutta la città di Mogliano le manifesta il proprio affetto e davanti all'ospedale appare uno striscione di buona guarigione. L'ottima ripresa di Marta ha reso possibile le sue dimissioni in un tempo inizialmente non immaginabile: a meno di due settimane dala brutale aggressione di via Marignana. Ora la sue cure proseguiranno nell'abitazione di famiglia.

Ragazza accoltellata a Treviso, l'aggressore resta in carcere: Marta Novello ancora in terapia intensiva

La convalescenza in ospedale

Quando Marta è stata ricoverata d'urgenza in rianimazione, le sue condizioni erano gravissime. Venticinque fendenti le hanno trafitto tutta la parte alta del corpo. Il 15enne che oggi è in carcere con l'accusa di tentato omicidio l'ha colpita per nove volte al viso e altre sedici alla schiena, alle mani, al torace. Le ha perforato un polmone, danneggiato il fegato, lesionato i tendini di una mano che la ragazza ha usato per difendersi. Marta è stata sedata e messa in coma farmacologico, ma in pochi giorni è riuscita a risvegliarsi e a parlare.

Quando ha riaperto gli occhi, ha chiesto subito ai sanitari: «Dove sono i miei genitori?». Poi ha visto accanto a sé mamma Chiara e papà Luigi, commossi e felici. Distesa su un letto d'ospedale, dolorante per le ferite e intontita dai farmaci, si è comprensibilmente inquietata: «Cos'è successo?» ha chiesto.  Marta ha avuto anche la forza di affrontare tre ore di interrogatorio con i carabinieri e il pubblico ministero, raccontando la sua versione. Oggi finalmente le dimissioni dall'ospedale.

Treviso, ragazza accoltellata da un 15enne è cosciente e parla con i genitori

Le indagini

Nel frattempo il suo aggressore resta nel carcere minorile di Santa Bona, mentre procedono le indagini della Procura veneziana e dei carabinieri, con le diverse valutazioni psicologiche in corso in questi giorni per tentare di chiarire appieno il movente che ad oggi resta misterioso. Gli investigatori contano di scoprire qualcosa in più analizzando cellulare e computer del ragazzo, ed ipotizzano un assalto a scopo di rapina. Ma i dubbi continuano ad essere tanti, vista anche l'efferatezza dell'aggressione consistita in una ventina di fendenti, tanto che l'avvocato Matteo Scussat delinea già un abbozzo di difesa che sembra aprire la strada alla valutazione sulla capacità di intendere e di volere del suo assistito: «Quale che sia il movente e l'evento scatenante, modalità e circostanze dell'azione fanno pensare ad un disagio, ad un disturbo che andrà indagato».

Ultimo aggiornamento: 21:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA