Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Massimo Ferrero dal carcere: «Vorrei sentire i miei figli e parlare con Quagliarella»

Sabato 11 Dicembre 2021
Da San Vittore, Michele Ferraro dichiara di voler sentire i suoi figli e scherza sulla mancanza dell'amico Quagliarella

Ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere, Massimo Ferrero, presidente dimissionario della Sampdoria, provato dall'inchiesta della procura di Paola (Cosenza). Ora rinchiuso nel carcere di San Vittore a Milano, Ferrero ha preferito il silenzio  durante l’interrogatorio di garanzia svoltosi davanti al Gip di Milano. Venerdì 10 dicembre un consigliere regionale è andato a trovarlo e Ferrero si è commosso parlando dei propri figli piccoli e facendo fatica a proseguire.

 

Leggi anche > Massimo Ferrero, dal carcere lo spoiler su Pechino Express: ecco cosa ha detto

 

«Vorrei sentire i miei figli - dichiara al Corriere della sera - (quelli di cinque e otto anni, avuti dall’attuale compagna). Non ci sono ancora riuscito. Quando ho chiamato l’ultima volta, loro non c’erano. Reggo questa situazione solamente per loro. A 70 anni, trovarmi qui mi fa crollare il mondo addosso e non riesco a farmi una ragione di tutto questo».

 

 

 

Leggi anche - Scala, La Bayadère spostata per Covid. Avrebbe inaugurato (il 15 dicembre) la stagione del balletto

 

Ferrero si tormenta: «Perché mi trovo qui? Sono preoccupato perché ho 600 dipendenti sotto di me che adesso rischiano di non avere più un lavoro». Durante questo periodo di "stop", Ferrero sta scrivendo un libro e ha trovato anche la forza di scherzare quando ha chiesto «di fare una telefonata a Quagliarella», al quale è molto legato. Ferrero è l’unico in cella, mentre agli altri cinque arrestati, tra cui la figlia Vanessa e il nipote Giorgio, sono stati concessi i domiciliari.

 

La Procura di Paola, provincia di Cosenza, lo accusa di bancarotta fraudolenta e reati societari, con distrazione di 13 milioni di euro complessivi dalle sue aziende calabresi fallite. Nei prossimi giorni il Tribunale del Riesame di Catanzaro fisserà la data dell’udienza per decidere se accogliere o meno la richiesta dei legali di Ferrero di attenuare il provvedimento cautelare, concedendogli i domiciliari. L’obiettivo, come riporta «La Gazzetta dello Sport», è quello di fargli trascorrere il Natale in famiglia. 

Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre, 00:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA