Soccorsi oltre 400 migranti, l'Onu: «Subito un porto sicuro». La guardia costiera assiste la nave di Banksy

Sabato 29 Agosto 2020
Soccorsi oltre 400 migranti, l'Onu: «Subito un porto sicuro». L'Italia raggiunge la nave di Banksy

Gli oltre 400 migranti soccorsi nel Mediterraneo «devono essere subito fatti sbarcare in un porto sicuro». L'agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr) e l'Organizzazione Internazionale per le migrazioni (Oim) chiedono lo sbarco immediato dei rifugiati attualmente a bordo di tre navi nel Mediterraneo centrale, tra cui la Louise Michel dello street artist Banksy raggiunta dalla guardia costiera italiana.

LEGGI ANCHE Migranti, la nave di Banksy lancia un Sos: «Abbiamo un morto a bordo e 219 profughi»

«La mancanza di un accordo su un meccanismo di sbarco regionale, da tempo invocato da Unhcr e Oim, non può essere una scusa per negare a persone vulnerabili un porto sicuro e l'assistenza di cui hanno bisogno, come previsto dal diritto internazionale - scrivono in una nota -. Le discussioni su una tale proposta che si erano arenate dovrebbero essere riprese urgentemente. È fondamentale che gli altri Stati membri dell'Ue forniscano maggiore sostegno ai Paesi in prima linea nell'accogliere coloro che arrivano via mare nel Mediterraneo».

 


Banksy sui social: «Ecco perché ho comprato la Louise Michel»

Un gruppo di 27 migranti e rifugiati, fra cui una donna incinta e dei bambini, partiti dalla Libia, sono a bordo della petroliera Maersk Etienne «da un periodo inaccettabile» di tre settimane dal loro salvataggio, avvenuto il 5 agosto. «Occorre trovare una soluzione e fornire urgentemente alla nave un porto sicuro per lo sbarco», ricordano nella nota Unhcr e OIm.

Migranti, la nave di Banksy lancia un Sos: «Abbiamo un morto a bordo e 219 profughi»

Oltre 200 rifugiati e migranti soccorsi «devono essere sbarcati con urgenza dalla nave Louise Michel, «attualmente ben oltre la sua capacità di trasporto sicuro». Eventuali ritardi potrebbero mettere a rischio la sicurezza delle persone a bordo, equipaggio compreso. «Anche altre 200 persone soccorse che si trovano a bordo della Sea Watch 4 dovrebbero essere prontamente dotate di un porto sicuro», avvertono le organizzazioni internazionali. 
 

 

La nave di Banksy assistita dalla guardia costiera

«L'equipaggio è riuscito a mantenere stabile la Louise Michel per quasi 12 ore. I nostri nuovi amici ci hanno detto che hanno già perso 3 di loro nel loro viaggio. Con il cadavere nella nostra unica zattera di salvataggio, sono 4 le vite perse a causa di Fortress Europe... e stiamo ancora aspettando», comuncia su Twitter la nave Louise Michel. In un altro tweet l'equipaggio chiede l'intervento della Guardia costiera italiana e delle forze armate di Malta.

La Guardia costiera italiana è intervenuta per prestare assistenza alla Louise Michel. Vista la pericolosità della situazione, la Guardia costiera ha inviato sul posto una motovedetta classe 300 di Lampedusa che ha imbarcato le 49 persone ritenute più vulnerabili, ovvero 32 donne, 13 bambini e 4 uomini a completamento dei nuclei familiari. Anche il cadavere dovrebbe essere portato sulla terraferma.
 


Nella tarda serata di ieri, ricostruisce il comando generale delle Capitanerie di Porto, la Louise Michel «ha avvistato, in area Sar di responsabilità maltese, un gommone con a bordo circa 130 migranti, in precarie condizioni di navigabilità. Informata dell'avvistamento l'autorità maltese, responsabile per le attività di ricerca e soccorso in quell'area marittima, l'unità Louise Michel ha proceduto in un primo momento al trasbordo di 97 migranti, ricoverandone i restanti 33 in una zattera di salvataggio. Delle attività in corso è stata data informazione anche allo stato di bandiera dall'unità (Germania), oltre che al Rcc (Rescue Coordinantion Center) maltese che, successivamente ed anche in ragione del previsto peggioramento delle condizioni meteo marine in zona, ha contattato il centro nazionale di soccorso della Guardia Costiera di Roma, chiedendo l'intervento di assetti navali per prestare assistenza». In esito a questa richiesta, la Guardia Costiera italiana ha inviato la motovedetta da Lampedusa, considerata anche la pericolosità della situazione.

Ultimo aggiornamento: 30 Agosto, 07:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA