Spagna, sei pacchi bomba in una settimana: uno diretto al premier Sánchez

La busta è stata intercettata dallo scanner di controllo di una delle strutture della base ed è ora analizzata dalla polizia

Spagna, busta-bomba diretta al premier Sánchez, Ministero della Difesa e base aerea di Torrejón
Spagna, busta-bomba diretta al premier Sánchez, Ministero della Difesa e base aerea di Torrejón
Giovedì 1 Dicembre 2022, 12:15 - Ultimo agg. 15:04
3 Minuti di Lettura

Un totale di 6 pacchi bomba sono state inviate in meno di una settimana indirizzate a varie istituzioni statali ed edifici diplomatici dall'Ucraina e dagli Stati Uniti in Spagna. La Moncloa ha rivelato che una di queste spedizioni è stata intercettata il 24, espressamente indirizzata al Primo Ministro, Pedro Sánchez. Le buste con esplosivi inviate all'ambasciata dell'Ucraina, alla società produttrice di armi di Saragozza Instalaza, alla base aerea di Torrejón de Ardoz (Madrid) e al ministero della Difesa avevano lo stesso indirizzo, scritto con penna a sfera e in stampatello. Tutti sono stati inviati dal territorio spagnolo. A mezzogiorno di questo giovedì, un sesto pacco è arrivato all'ambasciata degli Stati Uniti a Madrid . Con caratteristiche simili alle precedenti, è stata intercettata intorno alle 12:30 al filtro di sicurezza dell'Ambasciata. È stato attivato il relativo protocollo di polizia.

Una busta sospetta, con caratteristiche che ricordano quella esplosa ieri all'ambasciata ucraina di Madrid e una seconda recapitata a una fabbrica di armi di Saragozza, è arrivata nella notte alla base militare di Torrejn de Ardoz (Madrid): lo riportano l'agenzia Efe ed altri media spagnoli. Stando alle prime informazioni, la busta è stata intercettata dallo scanner di controllo di una delle strutture della base ed è ora analizzata dalla polizia. Era indirizzata a un centro per satelliti ospitato dalla base stessa. I quotidiani El Pas ed El Mundo affermano che potrebbe contenere esplosivo.

Ucraina, ucciso scrittore per bambini: prima di morire Volodymyr Vakulenko aveva seppellito il suo diario nel giardino di casa

In un comunicato, il Ministero dell'Interno spagnolo spiega che la busta-bomba diretta al premier Sánchez è arrivata alla Moncloa (la sede della presidenza) lo scorso 24 novembre per posta ordinaria. L'ordigno è stato fatto detonare in maniera controllata. «In attesa dei risultati definitivi delle analisi che si stanno effettuando, la busta potrebbe contenere una sostanza simile a quella utilizzata nei fuochi d'artificio», spiega la nota. «Per le sue caratteristiche e il suo contenuto, questa busta sarebbe simile a quelle ricevute dall'ambasciata ucraina a Madrid, dall'azienda Instalaza di Saragozza e dalla base aerea di Torrejn», aggiunge. Da quel momento, informa il ministero, la sicurezza di edifici pubblici e amministrativi è stata rafforzata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA