Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, Facebook chiude la pagina dell'europarlamentare Donato: «Solo perché sono contraria a sanzioni alla Russia»

Sabato 12 Marzo 2022
Ucraina, Donato, Facebook chiude la pagina dell'europarlamentare che ha votato contro le sanzioni alla Russia

Ha votato contro le sanzioni alla Russia comminate per l'aggressione nei confronti dell' Ucraina. L'europarlamentare Francesca Donato le aveva giudicate «molto pericolose», sia perché rischiano di essere lette da Mosca come «una dichiarazione di guerra», sia perché - aveva detto - faranno molto male all'economia italiana, che ha rapporti «importantissimi» con il gigante eurasiatico. A causa delle sue posizioni il suo profilo Facebook è stato chiuso. Lo ha comunicato la stessa eurodeputata su Twitter. «Mi hanno chiuso la pagina Facebook. L'attacco nei miei confronti è partito in maniera pesante. Traetene le conclusioni». Donato ha visto volatilizzarsi da un giorno all'altro la sua pagina Facebook con oltre 143mila followers. «Sono stata immediatamente informata dal mio staff comunicazione - spiega la parlamentare europea - della sparizione della pagina che è avvenuta senza nessuna notifica o avvertimento da parte di Facebook. Posso solo pensare che la società di Zuckenberg che in queste ore ha anche deciso di rendere lecite minacce ed insulti ai cittadini russi abbia invece considerato la mia pagina troppo libera o comunque non conforme alla vulgata mainstream. La cosa mi era chiara da tempo, ma non pensavo arrivassero a zittire un parlamentare democraticamente eletto e candidato a sindaco nella quinta città d'Italia».

 

La pagina Facebook della parlamentare indipendente dal settembre 2021 aveva subito già notevoli limitazioni a causa delle posizioni critiche espresse dalla deputata europea in tema di campagna vaccinale e gestione dell'emergenza Covid, adesso però il provvedimento di Facebook colpisce la comunicazione della parlamentare europea in maniera più dura che nei confronti dell'ex presidente Usa Donald Trump, che all'indomani delle elezioni presidenziali era stato bloccato sui social di Meta. «L'oscuramento della mia pagina arriva guarda caso dopo il mio voto contrario al parlamento europeo alle sanzioni alla Russia e alla mia posizione critica sulla linea governativa di esacerbazione del conflitto in Ucraina. Limitare o addirittura impedire la libera espressione di opinioni politiche mi sembra un modo di operare da parte di Meta inconciliabile con l'esigenza di difendere la libertà e la democrazia. Chi pensa di zittirmi o intimorirmi si metta l'animo in pace: io non mi fermo», conclude Donato.

Ultimo aggiornamento: 13 Marzo, 11:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA