CORONAVIRUS

Vaccini, Zingaretti: «Nel Lazio immunità di gregge in tempi brevi, sarà un'estate diversa»

Mercoledì 5 Maggio 2021
Vaccini, Zingaretti: «Nel Lazio immunità di gregge in tempi brevi»

Immunità di gregge vicina nel Lazio, lo dice il presidente della regione Nicola Zingaretti che parla di un'estate 2021 diversa in cui ci si potrà riavvicinare, baciare, riabbracciare. «Noi se corriamo e andiamo avanti con l'arrivo dei vaccini penso (che l'immunità di gregge) sia un obiettivo raggiungibile in tempi brevi». Così il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, intervenendo alla trasmissione Agorà su Rai Tre. Zingaretti, che sabato si vaccinerà con Astrazeneca, ha appena presentato i primi risultati, ed effetti, della campagna vaccinale sulla popolazione anziana, la fascia degli over 80. 

Prenotazione vaccini Lazio, la lista centri con più dosi e posti disponibili per Pfizer, Astrazeneca e J&J

«La bella novità di oggi è la messa in sicurezza degli anziani: un anno fa nelle Rsa si piangeva, oggi si comincia a ballare - ha detto Zingaretti in tv - Siamo ancora in una fase molto complicata, non possiamo dire che i problemi sono finiti ma sicuramente che tutti assieme stiamo vincendo e ci aspetta un futuro migliore. Grazie a quello che abbiamo fatto possiamo dire che stiamo vincendo», ha concluso.  

Riduzione ricoveri - Poi in conferenza stampa, la presentazione degli effetti tangibili dei vaccini sugli anziani. Il risultato più importante raggiunto dall'immunizzazione di questa particolare fascia della popolazione è la riduzione del 91% dell'incidenza dei ricoveri. Lo comunica la direttrice del Dipartimento di Epidemiologia del Lazio, Marina Davoli.

«La popolazione al di sopra degli 80 anni è un target importantissimo: un terzo delle ospedalizzazioni per Covid che si sono verificate nel Lazio sono avvenute per persone con più di 80 anni, ma soprattutto quasi il 60% dei decessi è avvenuto in questa popolazione», spiega Davoli. Il sistema delle fasce d'età funziona, spiega. «Più del 95% dei decessi per Covid nel Lazio si sono verificati tra gli over 60. Quindi è molto importante che si continui con questo passo per coprire questa fascia d'età». Così Marina Davoli.

A parità di condizioni fragili, si è osservato che negli ottantenni non vaccinati il rischio di ospedalizzazione è dieci volte più alto. «Quindi sono stati evitati 267 ricoveri per queste persone cioè quasi 4.000 giorni di degenza. È un risultato straordinario» ha commentato Marina Davoli.

 

Covid e vacanze, Ciciliano (Cts): «Sarà una estate migliore, ma tutti con mascherina»

Vaccini Covid, il calendario delle fasce d'età: a fine maggio prenotazioni per i 40enni

Che cos'è l'immunità di greggeSi verifica se all'interno di una comunità la maggior parte delle persone è vaccinata, e quindi queste persone tutte insieme limitano la circolazione di un virus, proteggendo così anche gli utenti fragili che non hanno potuto ricevere il vaccino. 

Le nuove fasi della campagna vaccinale - A prendere la parola per primo durante la conferenza stampa sugli effetti della campagna vaccinale è stato l'assessore Alessio D'Amato che illustra la partenza di una seconda fase dell'immunizzazione di massa che sarà contraddistinta dalla «capillarità: 1300 farmacie e oltre tremila medici di famiglia». Il terzo livello sarà quello dei luoghi di lavoro, dice. «Noi utilizzeremo questo mese di maggio per partire e il mese di giugno per le vaccinazioni nei grandi luoghi di lavoro».

L'assessore avverte anche sull'importanza di vaccinare presto i giovani: «Siamo consapevoli che andando a ritroso con le età aumenta la propensione a non volersi vaccinare»

«Avremo un'estate diversa» - Il presidente Zingaretti racconta quel che è stato fatto fin qua: «Avevamo ragione: dovevamo partire con la direzione israeliana che è entrata in contatto con lo staff israeliano. Era giusto concentrarsi con chi ricschiava di prendere il Covid e rischiava più di morire. Questa è una scommessa che abbiamo vinto. Grazie a questa scelta di campo moriranno meno persone e avremo un'estate diversa in cui se continuiamo così, anche a virus circolante, potremo avere una curva di decessi più bassa e meno ricoveri rispetto allo scorso anno. Non vuol dire che abbiamo vinto la battaglia ma che siamo sulla strada giusta per vincere la battaglia». «No alla demagogia del Liberi tutti o delle mascherine inutili, e sì alla scienza», aggiunge il presidente che sottolinea la bontà del coprifuoco mantenuto dal governo. 

Coprifuoco, eliminato da subito o esteso alle 23 da metà maggio: le ipotesi in campo

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA