Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron 5, come distinguere i sintomi dal raffreddore? Ecco la guida ai primi segnali

Venerdì 1 Luglio 2022 di Simone Pierini
Omicron 5, raffreddore o allergia: come distinguere i sintomi? Ecco la guida ai primi segnali

Omicron 5, raffreddore o allergia? È la domanda principale che si pongono i cittadini non appena iniziano ad avvertire i primi sintomi di un malessere. Come fare a distinguerli? Il professor Tim Spector, epidemiologo del King's College di Londra, ha condotto uno studio analizzando le differenze tra i sintomi e ha pubblicato una guida completa per riconoscerli. L'invito resta comunque quello di sottoporsi a un tampone (possibilmente molecolare) per escludere con maggiore certezza la presenza del Covid

Omicron 5, i sintomi

Con l'emergere delle nuove varianti, in particolare Omicron, l'approccio è notevolmente cambiato. Se nella prima fase della pandemia la perdita del gusto e dell'olfatto rappresentava il primo segnale del contagio Covid, ora la situazione è cambiata. I principali sintomi di questi mesi sono il naso che cola (66%), il mal di gola (65%), il mal di testa (64%), la tosse persistente (63%) e la stanchezza (62%). Oltre a questi, i più comuni associati al Covid, sono emersi sintomi come la diarrea, la nausea o il vomito. E secondo lo studio suggeriscono che non si tratti di raffreddore o di allergia, ma è plausibile che siano collegati a Omicron 5. In tal caso l'invito alle persone è di rimanere a casa, isolarsi ed evitare il contatto con altre persone e sottoporsi a un tampone. 

 

Raffreddore o allergia

Il comune raffreddore, sebbene meno comune in estate, può colpire le persone tutto l'anno ed è particolarmente diffuso durante le stagioni dei concerti, degli eventi serali in spiaggia e durante le vacanze. Oltre ovviamente agli effetti dell'utilizzo massiccio dell'aria condizionata in auto, a casa o in ufficio. Inoltre due anni di lockdown hanno abbassato l'immunità delle persone al raffreddore. Tosse, mal di gola, naso che cola o naso chiuso e starnuti sono i sintomi più comuni causati dalle centinaia di virus che provocano i comuni raffreddori. Dolori, febbre, mal di testa, affaticamento e perdita di appetito possono essere ulteriori segni rivelatori. L'assenza di occhi gonfi potrebbe essere invece un elemento che elimina la possibilità che una persona sia alle prese con un'allergia, soprattutto ora che la primavera è ormai alle spalle. Al contrario, avere diarrea, nausea o mancanza di respiro in aggiunta ai sintomi elencati potrebbe indicare che in realtà si tratta di Covid. 

Ultimo aggiornamento: 2 Luglio, 15:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche