Gimkana a Pastena, in fuga all'alt
in possesso di bombe e droga

di Carmen Incisivo

  • 8
Ignorano l’alt a un posto di blocco e si danno alla fuga prima in tangenziale e poi, contromano, per le strade cittadine: uno spacciatore viene arrestato a Torrione mentre l’altro è ancora irreperibile. È accaduto intorno all’ora di pranzo di ieri quando due uomini, rispettivamente 49 e 36 anni, hanno seminato il panico nel tentativo di non farsi arrestare dopo essere scappati da un posto di blocco in zona Pastena. Presso le loro abitazioni, prontamente perquisite dai militari del nucleo radiomobile dei carabinieri, sono stati trovati ottantuno bussolotti di eroina, trentotto di cocaina e undici ordigni pronti a esplodere. Tutto è accaduto intorno alle 13 di ieri quando i carabinieri stavano svolgendo un normale servizio di controllo del territorio: i militari hanno notato due uomini a bordo di un ciclomotore nei pressi dell’entrata della tangenziale a Pastena, insospettiti dal modo di fare, gli hanno intimato l’alt che ha rappresentato l’avvio di circa venti minuti di panico e paura in giro per la città. Di fronte alla paletta alzata i due hanno accelerato e si sono fiondati in tangenziale, sono usciti a Sala Abbagnano e hanno proseguito la loro folle corsa verso il centro mentre alle calcagna avevano i mezzi dei carabinieri che continuavano a intimargli di fermarsi. Nel tentativo di seminare le forze dell’ordine hanno cominciato a prendere strade contromano costringendo i carabinieri a fare lo stesso. L’inseguimento cominciato in tangenziale è dunque proseguito in centro e poi terminato a Torrione dove il conducente del ciclomotore ha perso il controllo del mezzo che è finito rovinosamente a terra. I militari sono riusciti a bloccare uno dei due uomini mentre l’altro si è dato alla fuga a piedi dirigendosi verso il lungomare. Durante l’inseguimento i due si sono disfatti di diverse dosi di sostanza stupefacente che sarà difficile recuperare. Quanto accaduto ha spinto i carabinieri del nucleo radiomobile a effettuare una perquisizione presso le abitazioni dei due fuggiaschi, entrambi residenti in zona Carmine, uno in via Lanzalone e l’altro in via Paolo De Granita. Le perquisizioni hanno permesso di sottoporre a sequestro un discreto quantitativo di droga – nello specifico ottantuno bussolotti di eroina, trentotto di cocaina e tutto il materiale utile al confezionamento delle dosi. Dal materiale da imballaggi, al bilancino di precisione e vari altri attrezzi. Oltre alla droga sono anche stati rinvenuti undici ordigni fabbricati artigianalmente, pronti a esplodere.
Lunedì 25 Febbraio 2019, 06:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP