Ruggi, dipendenti stakanovisti:
soltanto dieci assenze all'anno

Giovedì 9 Maggio 2019 di Sabino Russo
Ruggi, dipendenti stakanovisti: soltanto dieci assenze all'anno

Hanno sempre respinto l’etichetta di fannulloni e ora a rafforzare la loro tesi giungono anche i dati della ragioneria dello Stato, che indica il personale del Ruggi, con 10 giorni di assenza annui per malattia, insieme a quelli dell’Asl di Salerno, tra i più presenti a lavoro tra tutte le aziende ospedaliere e sanitarie del Belpaese. Un numero che da solo non evidenzia nessun elemento di eccezionalità, è vero, ma se rapportato all’età media dei dipendenti, tra le più altre d’Italia (53 anni Ruggi e 55 Asl), e ai buchi in organico (intorno alle 1400 unità), mette a nudo il gap di partenza degli operatori sanitari della provincia e lo sforzo messo in campo per garantire l’assistenza. Delle assenze dal servizio, i risultati riferiti a quelle per malattia sono la voce preferita alle altre perché il numero di giorni di ferie è uniforme su base annua e le variabilità di rilievo sono addebitabili alle criticità aziendali (dilazioni o recuperi), mentre quelle per maternità sono condizionate dalla presenza di donne. In definitiva, le assenze per malattia sono quelle per le quali si registra una variabilità fra le aziende non giustificata da motivazioni di carattere epidemiologico e che quindi più delle altre possono essere sottoposte a monitoraggio. Su base regionale, con 15 giorni di malattia in media annua per dipendente le aziende sanitarie del Lazio, nel loro complesso, si collocano al primo posto della classifica, seguite da quelle di Basilicata e Calabria con poco più di 14 e di 13 giorni rispettivamente. Puglia, Abruzzo, Sicilia, Sardegna completano l’elenco delle regioni dove si registra un numero di giorni lavorativi di assenza di almeno 2 giorni oltre la media nazionale. 

Ultimo aggiornamento: 07:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA