Sparatoria a Nocera Inferiore:
lite tra vicini, uomo ferito tra la folla

Lunedì 6 Dicembre 2021 di Nicola Sorrentino
Sparatoria a Nocera Inferiore: lite tra vicini, uomo ferito tra la folla

Litigio tra vicini di casa, volano minacce, schiaffi, pugni e infine due colpi di pistola, esplosi in pieno centro, tra famiglie e passanti. Nell’ora di punta. Tanta paura ieri a Nocera Inferiore, quando intorno alle 12 nei pressi di Piazza del Corso, lungo la strada che conduce al rione di Capocasale, un uomo ha sparato con una calibro 38, prima di essere bloccato e disarmato da un finanziere fuori dal servizio. La persona che ha sparato, G.C. , bidello in pensione, è attualmente indagato in un’indagine condotta dalla polizia guidata dal dirigente Aniello Ingenito. A finire in ospedale un altro uomo, vicino di casa di chi aveva sparato, ferito ad una mano. Non è in pericolo di vita. 

Tutto avrebbe avuto inizio poco prima delle 12, in via Gramsci, quando i due uomini - nessuno dei due è noto alle forze dell’ordine - avrebbero cominciato a discutere tra loro. Secondo testimonianze provenienti da persone che ben conoscono i protagonisti della vicenda, tra i due vi sarebbero questioni di vicinato che durerebbero da anni, legate alla costruzione di un muro. La circostanza è a sua volta oggetto d’indagine. A mostrare un atteggiamento minaccioso sarebbe stato, per primo, proprio il bidello, a sua volta poi aggredito dal vicino di casa. I due si sarebbero quindi divisi, andando in direzioni opposte. L’indagato, tuttavia, sarebbe ritornato in casa, prendendo una vecchia pistola che custodiva, carica, per poi uscire nuovamente in strada per andare alla ricerca del vicino di casa. Quest’ultimo era fermo a prendere un caffè al bar, poco distante dal luogo della prima aggressione. Notando l’arma in mano a G.C. , lo avrebbe affrontato, cercando di disarmarlo. Sarebbe riuscito a strappargli la pistola, ma l’altro avrebbe fatto in tempo a sparare, ferendolo ad una mano. L’esplosione dei colpi ha generato il panico in strada. Le persone presenti, anche di giovane età, sono corse a ripararsi lontano dai due. Molti di questi hanno trovato rifugio all’interno di una pasticceria, così come due bambini, messi al sicuro dal padre che avrebbe, poi, tentato a sua volta di colpire l’uomo armato di pistola. A disarmarlo in via definitiva, tuttavia, è stato un finanziere della compagnia di Scafati, che si trovava a pochi metri di distanza e fuori dal servizio. Recuperata la pistola, l’ha svuotata dei proiettili, per poi allertare le forze dell’ordine. Sul posto sono giunti i carabinieri del nucleo Radiomobile del reparto territoriale e gli agenti del commissariato di Polizia, insieme a due vigili urbani. Poco dopo è giunta anche un’ambulanza, che ha soccorso la persona ferita ad una mano, anch’essa impegnata a tenere fermo il suo aggressore, per qualche minuto, a terra, prima di essere trasferito in ospedale. L’indagato è stato adagiato in un’auto della polizia e portato in commissariato. Nelle prossime ore potrebbe essere emesso per lui un decreto di fermo. Rischia un’accusa di tentato omicidio e possesso in luogo pubblico di un’arma da fuoco. 

Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre, 14:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA