Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Quarta dose, vaccini aggiornati contro Omicron su richiesta per gli over 12: la circolare del Ministero

Via libera dal ministero della Salute alla somministrazione dei vaccini bivalenti contro Omicron ai bambini con più di 12 anni

Venerdì 23 Settembre 2022
Quarta dose, vaccini aggiornati contro Omicron su richiesta per gli over 12: la circolare del Ministero

Via libera dal ministero della Salute alla somministrazione dei vaccini bivalenti contro Omicron ai bambini con più di 12 anni. I vaccini bivalenti anti-Covid aggiornati alle sottovarianti Omicron 1 e Omicron 4-5, «tenuto conto dell'indicazione di utilizzo autorizzata da Ema e Aifa, potranno essere resi disponibili, su richiesta dell'interessato, come seconda dose di richiamo per la vaccinazione dei soggetti di almeno 12 anni di età, che abbiano già ricevuto la prima dose di richiamo da almeno 120 giorni», hanno precisato ministero della Salute, Consiglio superiore di sanità, Agenzia italiana del farmaco e Istituto superiore di sanità, in una circolare ministeriale di "Aggiornamento delle indicazioni sull'utilizzo dei vaccini a m-Rna bivalenti". 

Sono disponibili, quindi, due formulazioni bivalenti di vaccini a m-RNA: i due bivalenti aggiornati a Omicron BA.1 (quello di Pfizer e quello di Moderna) e i due bivalenti aggiornati a Omicron BA.4-BA.5 sempre di Pfizer e Moderna. L'uso è consentito solo per la quarta dose, che resta fortemente consigliata soprattutto ai soggetti fragili, ai sanitari e ai soggetti sopra i 60 anni.

Quale vaccino scegliere?

Infine, il ministero specifica che, come precisato da Aifa, al momento «non ci sono evidenze per poter esprimere un giudizio di uso preferenziale di uno dei diversi vaccini bivalenti oggi disponibili, ritenendosi che tutti possano ampliare la protezione contro diverse varianti e possano aiutare a mantenere una protezione ottimale contro la malattia da Covid». 

 

Ultimo aggiornamento: 24 Settembre, 16:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA