CORONAVIRUS

Stadi, Crisanti: «Riaprirli è da irresponsabili»

Venerdì 25 Settembre 2020
stadi crisanti covid irresponsabili ultima ora 25 settembre 2020

Covid, Andrea Crisanti: «Riaprire gli stadi è da irresponsabili, ora dobbiamo metabolizzare l'apertura delle scuole e vedere come va». Così il professore di Microbiologia all'Università di Padova: «Le cose vanno fatte gradualmente - aggiunge - quando sento che gli stadi vanno riaperti perché il comparto muove un sacco di soldi penso che se poi andiamo verso una maggiore diffusione del virus la situazione potrebbe addirittura precipitare».

Covid, Locatelli: «Test rapido usato in aeroporti è il più adatto alle scuole»

Covid, cosa succede se ci si ammala in classe: ecco cosa fare in caso di febbre. Il documento

 

«Gesto simbolico»


«Se proprio vogliamo fare un gesto simbolico - rileva - riapriamoli con mille persone, oppure riapriamo con il 10% della capienza per almeno quindici giorni e vediamo che succede». Sulla questione Crisanti è categorico: «ripeto che riaprire gli stadi in questo momento in cui la priorità è la scuola - conclude - equivale a fare un triplo salto carpiato senza protezioni».

 

Covid, Locatelli: "Test rapido usato in aeroporti è il più adatto alle scuole"

Prevedere ulteriori misure per arginare il contagio da Covid è una scelta razionale, che potrebbe consolidare il vantaggio che l'Italia ha assunto nella lotta al virus. È quanto afferma Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e componente del Cts: "Le mascherine contribuiscono alla protezione e visti i numeri degli altri Paesi, si tratta di una scelta condivisibile.


Ultimo aggiornamento: 17:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA