CORONAVIRUS

Covid-19 in Europa «già a marzo 2019». Ricerca Università di Barcellona smonta la tesi Wuhan

Venerdì 26 Giugno 2020 di Mauro Evangelisti
Covid-19 in Europa «già a marzo 2019». Ricerca Università di Barcellona smonta la tesi Wuhan

Sars-CoV-2 era presente in Europa già a marzo del 2019. Lo sostiene una ricerca dell’Università di Barcellona, già pubblicata, che ha analizzato le acque reflue della città catalana e che ha fissato nel 12 marzo del 2019 la data di comparsa del nuovo coronavirus. Gli scienziati italiani, però, invitano alla prudenza e all'attesa di ulteriori conferme. Ricordiamo, che l’Istituto superiore di sanità aveva già rilevato, con lo stesso sistema, la presenza di Sars-CoV-2 in Lombardia a dicembre; uno studio analogo (in questo caso sulle donazioni del sangue) aveva fissato la stessa finestra temporale di dicembre 2019 in Liguria.

​​​Coronavirus, ​​in Italia 30 morti e 259 nuovi casi: oltre il 91% dei positivi è in isolamento domiciliare
 


Queste ricerche potrebbero portare a riscrivere la storia di Sars-CoV-2, rilevato a Wuhan a inizio dicembre 2019 in Cina, dove è cominciata l’emergenza sanitaria, e successivamente segnalato all’Organizzazione mondiale della sanità. Si era sempre pensato che il nuovo coronavirus fosse poi arrivato in Europa a gennaio, il caso di Codogno è di febbraio. Ormai è certo che circolasse da prima, ma lo studio dell’Università di Barcellona rischia di mettere in discussione molte certezze.

Coronavirus, bollettino Lombardia: oggi in calo positivi (156) e morti (16)

Si legge sul sito ufficiale dell’ateneo catalano: «Il lavoro, a cui hanno preso parte ricercatori del gruppo di virus enterico UB Gemma Chavarria-Miró, Eduard Anfruns-Estrada e Susana Guix, guidati da Rosa Maria Pintó e Albert Bosch, fa parte del progetto di sorveglianza sentinella SARS -CoV-2. Sebbene COVID-19 sia una malattia respiratoria, è stato dimostrato che nelle feci si trovano grandi quantità del genoma del coronavirus che successivamente raggiungono le acque reflue».

Coronavirus, bollettino Lombardia: oggi in calo positivi (156) e morti (16)

Ancora: «I ricercatori hanno analizzato alcuni campioni congelati tra gennaio 2018 e dicembre 2019 con il sorprendente risultato della presenza di genomi SARS-CoV-2 a marzo 2019, molto prima della notifica di qualsiasi caso di COVID-19 in tutto il mondo». «Tutti i campioni sono risultati negativi per la presenza di genomi SARS-CoV-2 ad eccezione del 12 marzo 2019, dove i livelli di SARS-CoV-2 erano molto bassi ma chiaramente positivi per la PCR e, in più, usando due obiettivi diversi. Barcellona riceve molti visitatori per motivi turistici o professionali - continua Albert Bosch - ed è più che probabile che si sia verificata una situazione simile in altre parti del mondo. Poiché la maggior parte dei casi di COVID-19 mostra sintomi simil-influenzali, il primo avrebbe dovuto essere mascherato da casi di influenza non diagnosticata».

Virus, 10 focolai in Italia da Mondragone a Como. Crisanti: «Rischi nuovi lockdown locali»
 

Commenta il professor Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova: «In Liguria abbiamo dimostrato che già a dicembre c'erano persone che avevano sviluppato gli anticorpi. In questo caso, a Barcellona, si parla di altro, di acque reflue con tracce di virus, per cui bisogna essere molto prudenti. Serve grande cautela, ma certo è un dato interessante». Prudente anche il professore Pierluigi Lopalco: «Mi pare molto strano, suggerisco cautela».

USA, fiducia consumatori Università Michigan rivista al ribasso

Ultimo aggiornamento: 27 Giugno, 10:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA