Gimbe, campagna vacinale al palo: ancora 5 milioni di italiani senza protezione

Giovedì 14 Aprile 2022
Gimbe, campagna vacinale al palo: ancora 5 milioni di italiani senza protezione

Diminuiscono i casi di Covid ma diminuisce anche il numero dei nuovi vaccinati. Lo rileva il monitoraggio indipendente settimanale della Fondazione Gimbe. Nella settimana dal 6 al 12 aprile i nuovi vaccinati sono stati 8.501 rispetto ai 9.668 della settimana precedente (-12,1%). Al 13 aprile l'85,6% della popolazione (50.742.940 unità) ha ricevuto almeno una dose di vaccino (+8.359 rispetto alla settimana precedente) e l'84,1% (49.808.870) ha completato il ciclo vaccinale (+30.133). Le coperture con almeno una dose oscillano dal 99,4% degli over 80 al 37,6% della fascia 5-11.

Quarta dose, Ricciardi: «In autunno dovranno farla tutti, ci sarà una nuova ondata»

Al 13 aprile sono 6,9 milioni le persone che non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino, di cui 2,65 milioni temporaneamente protette in quanto guarite da Covid-19 da meno di 180 giorni. Di conseguenza, le persone attualmente vaccinabili sono circa 4,25 milioni. Alla stessa data, sono state somministrate 39.085.621 terze dosi.

Per quanto riguarda i nuovi casi di infezione nella settimana 6-12 aprile, rispetto ai 7 giorni precedenti, in 30 Province si rileva un incremento percentuale dei nuovi casi, in 75 una riduzione e 2 rimangono stabili. L'incidenza supera i 500 casi per 100.000 abitanti in 94 province, di cui 7 con oltre 1.000 casi per 100.000 abitanti: Avellino (1.153), Teramo (1.108), Ascoli Piceno (1.108), Chieti (1.052), Bari (1.028), Massa Carrara (1.012) e Catanzaro (1.002). 

Al 13 aprile sono state somministrate 70.598 quarte dosi. In base alla platea ufficiale (n. 791.376), aggiornata al 9 marzo, il tasso di copertura nazionale per le quarte dosi è dell'8,9 per cento con nette differenze regionali: dall'1,1 per cento del Molise al 38,7 per cento del Piemonte. «Dopo un mese e mezzo dal via libera per i pazienti più fragili - ha commentato Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - le esigue coperture e le rilevanti differenze regionali documentano un vero e proprio flop, alimentato dal senso di diffidenza per un ulteriore richiamo. Ecco perché la somministrazione di un ulteriore richiamo alla platea recentemente allargata ad over 80, ospiti delle rsa e persone nella fascia 60-79 anni con patologie concomitanti non può essere affidata esclusivamente all'adesione volontaria, ma richiede strategie di chiamata attiva, di fatto mai attuate in maniera sistematica».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA