Morto lo storico Ottavio Bariè: fu tra gli ultimi a conoscere Benedetto Croce a Napoli

Giovedì 30 Dicembre 2021
ottavio bariè

Lo storico Ottavio Barié, uno dei principali studiosi italiani di storia delle relazioni internazionali, specialista del Regno Unito e degli Stati Uniti nell'età moderna e contemporanea, è morto a Milano all'età di 98 anni. L'annuncio della scomparsa, come riferisce l'Adnkronos, è stato dato dai figli Margherita ed Emanuele, rendendo noto che i funerali si svolgeranno presso la chiesa di San Bartolomeo a Milano, in via Moscova 6, lunedì 3 gennaio alle ore 11.

Nato il 4 aprile 1923, Barié era uno degli ultimi ad aver conosciuto personalmente Benedetto Croce come borsista dell'istituto Italiano per gli studi storici di Napoli fondato dal celebre filosofo e storico. Allievo di Federico Chabod e Franco Valsecchi, Barié era professore emerito di storia delle relazioni internazionali dell'Università cattolica del sacro cuore di Milano, dove ha insegnato anche storia contemporanea e storia moderna e per vent'anni ha diretto l'istituto di scienze politiche.

Video

Tra i suoi volumi più recenti «Dalla guerra fredda alla grande crisi. Il nuovo mondo delle relazioni internazionali» e «Dall'Impero britannico all'impero americano. Scritti scelti di Storia delle relazioni internazionali»: quest'ultimo raccoglie saggi, dal 1953 al 1996, che offrono un panorama relativo ai due principali ambiti e periodi storici studiati da Barié, il secolo dal 1815 al 1914 e la Guerra Fredda. La sua vasta bibliografia, fondata su una solidissima documentazione di fonti diplomatiche, comprende: «L'Italia nell'Ottocento», «Le origini dell'Italia contemporanea», «Gli Stati Uniti nel secolo XX. Tra leadership e guerra fredda, «Gli Stati Uniti da colonia a superpotenza», «L'Italia. Nascita di una nazione», «L'Italia da Rudinì a Giolitti» , «Dal sistema europeo alla comunità mondiale. Storia delle relazioni internazionali dal Congresso di Vienna alla fine della guerra fredda», «Storia delle relazioni internazionali. Testi e documenti (1815-2003)».

Ultimo aggiornamento: 15:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA