«I Colori», il nuovo video degli ‘A67: «Dedicato al paese che resiste»

Domenica 11 Ottobre 2020 di Gennaro Morra
Antonella Leardi davanti al murale dedicato al figlio, Ciro Esposito

È una carrellata di volti, alcuni noti e altri sconosciuti, questo I Colori, video che accompagna l’uscita del quarto estratto dall’ultimo disco degli ‘A67, Naples Calling. E ognuna di quelle facce racconta una piccola grande storia di resistenza, vicende umane in cui i protagonisti hanno deciso di lottare per difendere la loro dignità, quella di un loro caro o quella delle persone più fragili e indifese. Perché in questo tempo «ogni cosa ha un prezzo ormai, ma l’anima e i sogni no». E anche «la dignità non è in vendita, è come un fuoco e non si spegne mai» come recita il ritornello della canzone affidato alla splendida voce di Emma Viola.

Il trio di Scampia, restando fedele al suo stile, anche in questo brano parte dal vissuto personale per poi abbracciare un quartiere intero, tutta la città e includere in quella stretta un’Italia che ancora spera di cambiare e migliorare grazie all’esempio di gente che non si è piegata all'ingiustizia e al sopruso, arrivando a sacrificare la sua stessa vita pur di non abbassare la testa. «È il pezzo di Naples Calling a cui più tengo. Un brano in cui c’è tutto l’amore e la rabbia che ho in corpo – spiega Daniele Sanzone, frontman degli ‘A67 –. Parte da un elemento biografico, mio padre che non c’è più, ma poi il personale si fa politico e racconta della nuova resistenza italiana, cominciando dal nostro quartiere per continuare con le mamme della Terra dei Fuochi, i No-Tav, ma anche gli immigrati che arrivano sulle nostre coste in cerca di un futuro migliore. È sicuramente la traccia dell’album che meglio ci rappresenta».

LEGGI ANCHE Napoli, la radio di Scampia compie dieci anni: «Diamo voce al territorio»

Nel videoclip, diretto da Gaetano Massa e pubblicato ieri sui canali social della band, scorrono le facce di chi si è speso per queste e altre battaglie, ma ci sono anche personeggi che con le loro attività cercano di promuovere l’immagine migliore di Napoli. E così, insieme a Ilaria Cucchi, Salvatore Borsellino e Mimmo Lucano, hanno risposto presente anche Erri De Luca, Maurizio de Giovanni, Peppe Lanzetta, Maurizio Patriciello, Luca Delgado, Marzia Caccioppoli e le mamme della Terra dei Fuochi, Mirella La Magna e il Gridas, la comunità rom di Scampia, Speaker Cenzou, Antonella Leardi, Eloise d'Avino, Barbara Pierro e Chi rom e chi no, Antonio Piccolo e l’Arci Scampia, Anna Scuotto, Monica Riccio, Serena Russo, Gioia Ottagono, Luigi Vertaglio, Dino Trocino, Tullio Pironti e tanti altri che, in questo tempo in cui tutto sembra possa avere un prezzo, ancora si battono per difendere la dignità e i sogni delle persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA