Letizia, la ciclista investita in strada:
«Poteva finire peggio, ora ho paura»

Venerdì 29 Novembre 2019
Letizia Paternoster, la ciclista investita in strada: «Poteva finire peggio, ora ho paura»
È passata una settimana esatta da quando, mentre andava in bici, è stata investita da un'auto a Riva del Garda. La ciclista Letizia Paternoster, per fortuna, ha rimediato solo una frattura al polso, qualche graffio e un grande spavento, ma «poteva finire molto peggio». Intervistata dalla Gazzetta dello Sport, la 20enne di Cles (Trento), ripercorre quei drammatici momenti: «Ero al centro della rotonda quando la macchina mi ha agganciato al centro del cofano. L'auto mi ha trascinato avanti, poi ha inchiodato e sono caduta giù. Il guidatore si è fermato, piangeva, ha ammesso le sue colpe. Poteva finire molto peggio. Se la macchina era di un altro tipo, ero finita sotto».

LEGGI ANCHE Incidente in bici, Vittoria Bussi e Letizia Paternoster investite. Per l'azzurra di Cles niente Coppa del Mondo di pista

Letizia Paternoster è uno dei principali talenti del ciclismo su pista italiano. Ai mondiali ha vinto l'argento nell'omnium e due volte il bronzo nel quartetto. Il suo sogno è partecipare alle Olimpiadi di Tokyo 2020, ma è molto apprezzata anche su Instagram dove vanta oltre 126mila follower. «Mi è rimasta la paura - confessa alla "rosea" - anche in macchina. Fino a quel giorno non l'avevo mai avuta. Magari potessi diventare io, con i miei follower, una testimonial della sicurezza».



  Ultimo aggiornamento: 15:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA